Visualizzazione post con etichetta cinema. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta cinema. Mostra tutti i post

lunedì 6 luglio 2020

Una pallottola spuntata 33⅓ - L'insulto finale

Una pallottola spuntata 33⅓ - L'insulto finale é un film comico del 1994 diretto da Peter Segal, con Leslie Nielsen, Priscilla Presley, George Kennedy, O. J. Simpson, Fred Ward, Kathleen Freeman, Anna Nicole Smith, Ellen Greene, Ed Williams.

Una pallottola spuntata 33⅓ - L'insulto finale

Trama

Il famoso terrorista Rocco Dillon viene avvicinato in carcere dal malvivente Pahpshmir, che vuole coinvolgerlo in un terrificante attentato terroristico.
I due però non hanno fatto i conti con Frank Drebin, ex tenente di polizia ora in pensione.
Frank, che ora vive una vita felice ma un po' annoiata con la moglie, viene raggiunto dai suoi ex colleghi Nordberg ed il capitano Ed Hocken, i quali lo convincono ad indagare sul caso.
Questa cosa però metterà in crisi il rapporto di Frank con la moglie Jane Spencer, la quale non vuole che suo marito rischi ancora la vita con il suo ex lavoro.

Recensione

Una pallottola spuntata 33⅓ - L'insulto finale è l'originale titolo di un film comico / demenziale americano del 1994.
Come si evince dal titolo, questo è l'ultimo capitolo della famosa serie, seguito ufficiale di una pallottola spuntata 2 e mezzo.
Se paragonato ai 2 precedenti capitoli, questo film risulta un filino sottotono, ma a mio avviso decisamente giustificato come seguito, almeno rispetto ad altre serie i cui seguiti rovinano la memoria dei primi capitoli.
Una pallottola spuntata 33⅓ - L'insulto finale è infatti un film demenziale e divertente, un film cult di una serie cult degli anni 90.
Se vi piace dunque il genere, e soprattutto se avete vissuto sulla luna fino ad ora e ve lo siete lasciati scappare, correte a rimediare, ma non senza ovviamente aver visto prima i due capitoli iniziali.

Link alla scheda del film su wikipedia

venerdì 3 luglio 2020

Il divo (film)

Il divo è un film biografico, drammatico del 2008 diretto da Paolo Sorrentino, con Toni Servillo, Anna Bonaiuto, Giulio Bosetti, Flavio Bucci, Carlo Buccirosso, Giorgio Colangeli, Alberto Cracco, Piera Degli Esposti, Lorenzo Gioielli.

Il divo (film)

Trama

Giulio Andreotti è un politico con una grande carriera alle spalle, che aspira a diventare anche presidente della repubblica.
Durante la sua lunga carriera politica ha visto di tutto, dalle cose belle e alle cose brutte, come il rapimento del collega Aldo Moro da parte delle Brigate Rosse.
Ma il percorso della politica è ripido e scivoloso e più si sale e più poi si rischia di cadere, ed è proprio in quel momento che tutti gli amici ed i conoscenti che prima ti supportavano e ti cercavano, sembrano sparire.
La carriera di Andreotti sarà lunga ed intensa, e non priva di macchie, con tanto di accuse gravi e tensioni che porteranno ancora più stress e solitudine alla già forse un po' triste vita del senatore.

Recensione

Il divo è un film biografico / politico italiano del 2008 diretto da Paolo Sorrentino ed interpretato magistralmente da Toni Servillo.
Seppur si debba ammettere che Servillo assomiglia davvero poco ad Andreotti nonostante il trucco che comprende la gobba e le orecchie finte a sventola quasi da vampiro, l'interpretazione di questo grande attore è a dir poco da Oscar.
Per chiunque voglia affacciarsi un po' sulla vita di questo grande politico, che nel bene o nel male ha fatto la storia d'Italia, questo è un buon punto di partenza, anche se consiglierei di leggersi prima la biografia di Giulio Andreotti su wikipedia, e solo dopo di vedere il film, soprattutto se si è come me abbastanza a digiundo / ignoranti in merito.
Devo dire che questo film mi ha molto sorpreso e mi è molto piaciuto, se da una parte ci sono rappresentazioni discutibili di omicidi e stragi, i vari monologhi di Andreotti, compreso uno degli ultimi, sono davvero qualcosa di magistrale da parte di Servillo.
Consiglio dunque la visione di Il divo a chiunque voglia conoscere un po' meglio la storia politica d'Italia.

Link alla scheda del film su wikipedia

mercoledì 1 luglio 2020

Torno indietro e cambio vita

Torno indietro e cambio vita é un film commedia, fantastico del 2015 diretto da Carlo Vanzina, con Raoul Bova, Ricky Memphis, Giulia Michelini, Paola Minaccioni, Max Tortora, Michela Andreozzi, Emanuele Propizio, Augusto Fornari, Stefano Masciarelli.

Trama

Marco ha 42 anni, un buon lavoro ed una bellissima moglie di nome Giulia.
Un brutto giorno però, Giulia dice a Marco che si è innamorata di un anno, dopo ben 25 anni passati felicemente insieme, e gli dice che vuole la separazione.
Marco cade in depressione e si confida con il suo migliore amico Claudio, che come per Giulia lo conosce fino dall'infanzia.
Mentre i due sono intenti a parlare, vengono investiti da un veicolo e si risvegliano miracolosamente nel passato, 25 anni prima, quando ancora frequentavano il liceo.
Marco decide allora di evitare Giulia a scuola, con il piano di non mettersi insieme e di non avere così il cuore spezzato da grande.

Recensione

Torno indietro e cambio vita è un film commedia italiano del 2015 con protagonisti Raoul Bova, Ricky Memphis, Giulia Michelini.
Questa commedia romantica sentimentale parla delle classiche crisi di coppie che possono sorgere dopo molti anni che si sta insieme, aggiungendoci anche il tema dei viaggi nel tempo in puro stile ritorno al futuro.
Il protagonista indiscusso di questa pellicola è ovviamente Raoul Bova, che interpreta un giovane Marco che cerca in tutti i modi di sistemare il suo futuro.
Ovviamente il confronto con la pellicola originale a cui si ispira questo film è perso in partenza, ma nel complesso si può dire che "Torno indietro e cambio vita" è un film abbastanza divertente, poco noioso, e con un finale un po' fuori dall'ordinario che per una volta quasi sorprende.

Link alla scheda del film su wikipedia

lunedì 29 giugno 2020

Una pallottola spuntata 2½ - L'odore della paura

Una pallottola spuntata 2½ - L'odore della paura é un film comico del 1991 diretto da David Zucker, con Leslie Nielsen, Priscilla Presley, George Kennedy, O. J. Simpson, Robert Goulet, Richard Griffiths, Jacqueline Brookes, Anthony James, Lloyd Bochner.

Una pallottola spuntata 2½ - L'odore della paura

Trama

Al tenente Frank Drebin della polizia viene assegnato un nuovo e delicato caso.
Sembra infatti che qualcuno attenti alla vita del famoso scienziato Dr. Albert S. Meinheimer, il quale sembra portare avanti a spada tratta la causa dell'energia pulita.
Le multinazionali del petrolio ovviamente non vedono di buon occhio questo pensiero e questo causerà allo scienziato non pochi problemi, soprattutto perchè il suo caso verrà affidato proprio a Frank Drebin.
A complicare il compito di Frank ci sarà inoltre il rapporto a volte difficile con la sua amata Jane Spencer, che casualmente lavora proprio per lo scienziato.

Recensione

Una pallottola spuntata 2½ - L'odore della paura (The Naked Gun 2½: The Smell of Fear) è un film commedia americano del 1991.
Questa ennesima pellicola comica / demenziale è il seguito ufficiale del primo una pallottola spuntata, dal quale riprende tutti i principali protagonisti, che dopo la prima pellicola sono diventati delle vere e proprie icone.
Se vi piace il genere le risate sono assicurate grazie soprattutto al talento comico naturale del protagonista che interpreta Frank Drebin, ovvero il grande ed intramontabile Leslie Nielsen.
Anche rivedere "Una pallottola spuntata 2½" a distanza di molti anni, dopo tanti film usciti dopo a cui tra l'altro molti hanno preso ispirazione, fa capire che questa è una delle pietre miliari della comicità del cinema americano.

Link alla scheda del film su wikipedia

mercoledì 24 giugno 2020

The Lovebirds

The Lovebirds é un film commedia del 2020 diretto da Michael Showalter, con Kumail Nanjiani, Issa Rae, Anna Camp, Paul Sparks, Kyle Bornheimer, Kelly Murtagh, Moses Storm, Andrene Ward-Hammond, Jaren Mitchell.

The Lovebirds

Trama

Jibran e Leilani sono una coppia in rotta.
Proprio quando i due sono sulla loro auto e stanno per lasciarsi, investono per errore un ciclista, che poi scappa immediatamente anche se ferito.
Arriva subito dopo un uomo che dice loro di essere un poliziotto, che requisisce la macchina con loro dentro e parte in un inseguimento che si conclude con l'uccisione del ciclista.
Jibran e Leilani allora capiscono che l'assassino in realtà non è un poliziotto, ma a causa di uno sfortunato concatenamento di eventi, finiscono per diventare i principali sospettati dell'omicidio del ciciclista.
I due decideranno di scappare e di indagare sulla vita della vittima, con lo scopo di smascherare il vero assassino e venire così scagionati.

Recensione

The Lovebirds è un film commedia americano del 2020.
Trattasi dell'ennesima commedia romantica americana, con scene un po' goffe a volte un filino volgari, immerse in un contesto un po' giallo e poliziesco.
Il risultato è discreto, dato che i due protagonisti alternano battute e scene brillanti e divertanti, a dialoghi noiosi e spesso imbarazzanti.
Di buono c'è che il film cita alcune pellicole famose in maniera più o meno velata, prime su tutte la scena del ritrovo / festa degli eletti di Eyes Wide Shut di Kubrick, film di ben altro spessore.
The Lovebirds concludendo, è una pellicola da vedere senza troppe pretese, per passare una serata spensierata senza aspettarsi di ridere ad ogni scena.

Link alla scheda del film su wikipedia

lunedì 22 giugno 2020

La mafia uccide solo d'estate (film)

La mafia uccide solo d'estate é un film commedia, drammatico del 2013 diretto da Pif, con Pif, Cristiana Capotondi, Claudio Gioè, Ninni Bruschetta, Alex Bisconti, Ginevra Antona, Maurizio Marchetti, Rosario Lisma, Barbara Tabita.

La mafia uccide solo d'estate (film)
Trama

Arturo Giammarresi è un giovane palermitano di grandi ideali, forse un po' ingenuo.
Figlio di Lorenzo e Maria Pia, fin dalla sua nascita il suo destino sembra intrecciarsi con temi molto sensibili in Sicilia, quali la mafia e la politica.
L'intera esistenza di Arturo infatti, sembra legata in qualche modo ai grandi del passato, sia che essi siano figure positive che negative.
Arturo sogna infatti di diventare giornalista, anche se la strada per quella carriera sembra essere lunga e ricca di insidie.
Il giovane però troverà anche tempo per l'amore, in quanto innamorato da sempre di una giovane ragazza, che conosce fin dall'infanzia, di nome Flora Guarneri.

Recensione

La mafia uccide solo d'estate è un film italiano a cavallo tra una commedia, un film drammatico ed un documentario, il cui tema portante è la mafia in Italia ed in Sicilia.
Il protagonista di questa pellicola infatti, fin dalla nascita è accompagnato da una serie di accadimenti quasi sempre drammatici che vanno dall'omicidio di mafia, all'arresto di un boss, alla nomina di qualche magistrato antimafia.
La pellicola offre allo spettatore sia un film con una trama più o meno lineare, del genere commedia a tratti grottesco, ma anche sentimentale, sia una sorta di documentario che mostra la vita e la storia di protagonisti positivi e negativi della storia italiana.
Abbiamo nomi quali Andreotti, Provenzano, Riina, Falcone, Borsellino, e tanti altri che forse non tutti conoscono, ma di cui questa pellicola dal pittoresco nome "La mafia uccide solo d'estate" omaggia la memoria.

Link alla scheda del film su wikipedia

venerdì 19 giugno 2020

Ore 15:17 - Attacco al treno

Ore 15:17 - Attacco al treno é un film biografico, drammatico, azione del 2018 diretto da Clint Eastwood, con Spencer Stone, Anthony Sadler, Alek Skarlatos, Judy Greer, Jenna Fischer, Heidi Sulzman, Thomas Lennon, P.J. Byrne, Sinqua Walls.

Ore 15:17 - Attacco al treno

Trama

Spencer, Anthony e Alek sono 3 amici che si conoscono fin dai tempi dell'infanzia.
Amici a scuola ma con problemi di condotta e di risultati, i tre giovani finiranno per venir divisi dalla vita, andando a vivere in diverse parti dell'America.
Una volta cresciuti ed ormai ragazzi, Spencer, Anthony e Alek finiranno per reincontrarsi in Europa in un lungo tour vacanza in giro per le principali città europee.
Il destino però porterà i tre giovani a scontrarsi con una dura realtà, che gli farà compiere delle scelte improvvise e decisive che cambieranno per sempre la loro intera esistenza, dando uno scopo a tutto il loro precedente percorso.

Recensione

Ore 15:17 - Attacco al treno è un film drammatico / biografico del 2018 diretto dal grande attore ed ormai ancor più grande regista Clint Eastwood.
Devo dire che adoro sempre di più Clint come regista, non solo perchè azzecca ogni film che fa, ma perchè apprezzo molto il suo patriottismo, che traspare in ogni sua pellicola.
I protagonisti di questa pellicola sono Spencer Stone, Anthony Sadler, Alek Skarlatos, e se vi state domandando come mai non avete mai sentito parlare di questi attori è perchè non sono veri attori, ma i reali protagonista di questa triste vicenda.
Il film infatti trae ispirazione da un tragico fatto di cronaca realmente accaduto, e la scelta audace di Clint Eastwood è stata quella di chiamare i diretti protagonisti ad interpretare loro stessi, al posto di assumere attori professionisti.
Il risultato per me è più che notevole, ed anche se ho letto in giro che alcuni criticano negativamente il fatto che per far su un film da un fatto di cronaca durato pochi minuti, Clint abbia raccontato per il 90% del film la vita quasi noiosa dei tre protagonisti, a mio avviso la cosa ha perfettamente senso e fa anche riflettere su come certi percorsi alla fine in qualche modo hanno sempre uno sbocco o un perchè, prima o poi.
Concludendo, Ore 15:17 - Attacco al treno è a mio avviso un buon film biografico per gli amanti dei drammi tratti da storie vere.

Link alla scheda del film su wikipedia