domenica 25 giugno 2017

Come attivare i sottotitoli nei video di Youtube

Che su alcuni video presenti su youtube ci siano i sottotitoli, non è certo un mistero.
Quello che forse non sai, è che qualsiasi filmato su yt può avere potenzialmente i sottotitoli.
Mi spiego meglio, se stai guardando un video che ha un parlato, i sottotitoli possono essere disponibili anche se l'autore del filmato non li ha generati e caricati sul tubo.

Questi sottotitoli automatici di youtube infatti, possono essere attivati da chi visiona il video, il quale potrà dunque, non solo ascoltare le spiegazioni di un video, ma anche leggerle direttamente sullo schermo.


Come attivare i sottotitoli nei video di Youtube


Vediamo subito di capire come fare per leggere i sottotitoli dei video youtube.
Come specificavo poco sopra, non importa che il creatore del filmato abbia creato il file .srt necessario, ma basta un video che abbia un parlato chiaro e scandito.

Io ad esempio, mi sono accorto di questa ottima funzionalità di yt, dopo aver creato un video con una voce sintetizzata che legge del testo preso dal mio blog.
Ho cliccato per caso sul bottone dei subtitles, e mi si è aperto un mondo.
Il mio video era lì, bello ed arricchito con delle scritte che fedelmente riportavano quanto stavo sentendo con le orecchie... incredibile, vero?

Comunque, per poter attivare i sottotitoli su youtube, segui questi semplici passi:
  1. Entra in youtube
  2. Entra nel video che ti interessa
  3. Clicca sull'icona a forma di busta bianca, la prima tra quelle di destra

Come attivare i sottotitoli nei video di Youtube

Se il video che stai visionando ha un parlato chiaro, i sottotitoli appariranno in automatico, e potrai leggere a video ciò che senti con l'orecchio.

Al di là dunque del sapere come fare per far apparire i sottotitoli su youtube, la nozione più importante di questo post è che, se sei un creatore di videoracconti, sappi che possono essere sottotitolati in automatico da youtube, in modo tale che tutti li possono vedere... bello vero?

Ed anche per questo tutorial è tutto.
Buona lettura :)
Leggi il post

Psicodinamica dello sviluppo (1/11): Teorie di base

Secondo la Ainsworth e Bowlby, l'attaccamento è un processo attivo di adattamento basato sulla messa a punto di strategie di soddisfazione di bisogni di sicurezza, formulate in relazione alle caratteristiche dell'ambiente e alle accresciute capacità d'elaborazione del pensiero e di organizzazione del comportamento.

Per studiare l'attaccamento si fanno disegni longitudinali, si studiano fattori di discontinuità, le determinanti individuali, familiari e socioculturali del cambiamento, che si attivano nell'arco di vita del singolo e tra generazioni.
Esiste il modello sistemico che assume la famiglia come unità d'analisi di base, inglobando i legami di un membro con un altro entro una entità più complessa, diversa dalla somma delle singole parti.
Esiste il modello multidiadico, che vede il legame tra 2 individui dentro la rete delle relazioni familiari ma mantiene la diade come unità d'analisi di base.

Quindi si è passati nella ricerca di oggi, all'estensione della dimensione temporale (studi longitudinali), alla centratura dei fattori di cambiamento, al passaggio dalla prospettiva diadica a una familiare/contestuale (proiezione delle caratteristiche del legame di attaccamento diadico all'interno di un quadro socioculturale).
Si pensa dunque che i cambiamenti che si verificano nei rapporti diadici nel corso del tempo vengono a interessare anche la rete di relazioni familiari e sociali, che si modificano insieme all'individuo stesso, inoltre, la dimensione temporale e del cambiamento non sono più soltanto considerati come attributi dello sviluppo del singolo, ma anche come proprietà dell'ambiente con cui l'individuo interagisce.


Linee di sviluppo nel modello evolutivo dell'attaccamento


Per ampliare la teoria dell'attaccamento di Bowlby si sono usate 2 linee d'analisi:
  • Life span developmental psychology: visualizza i legami d'attaccamento lungo l'arco di vita dell'individuo. L'aspetto cognitivo è studiato dal modello dinamico-maturativo di Crittenden, che descrive la progressiva riorganizzazione degli stili di attaccamento precoci in nuove e più complesse tipologie di attaccamento, dove ogni tipo di configurazione (sicura, o insicura) risulta più o meno adattiva nella misura in cui arriva a massimizzare le potenzialità evolutive dell'individuo, in relazione ai limiti imposti (predisposizione genetica per l'integrazione dei dati cognitivo-affettiva) o alle opportunità offerte dal contesto in cui vive.
    Ci sono poi ricerche sulla dimensione relazionale che descrivono la progressiva riorganizzazione e trasformazione del legame alle figure di riferimento infantili nell'arco di vita e in particolare nel corso della costruzione del legame di coppia.
    Il ciclo evolutivo dell'attaccamento può essere riassunto come una serie di relazioni diadiche asimmetriche (bambino che riceve e non fornisce cure) che diventano quasi simmetriche con l'età giovanile-adulta (il rapporto con il partner favorisce la simmetria e la reciprocità) per poi tornare ad essere asimmetriche (figlio che si prende cura dei genitori).
  • Family development: mette in relazione lo sviluppo del legame di attaccamento con quelli della rete familiare. In questo modello del ciclo di vita familiare elaborato nell'ambito della psicologia sociale della famiglia, questa è vista come un sistema emozionale trigenerazionale inserito in una sequenza di fasi dove il passaggio da una all'altra è innescato da crisi dello sviluppo (contrazione, espansione e riassetto del sistema di relazioni con entrata o uscita di membri della famiglia).
    In questo modello ciascun soggetto offre il contesto per il comportamento dell'altro in un'ottica plurigenerazionale, ed il superamento di ogni evento (crisi per la separazione da qualcuno o per una nuova entrata) costituisce un compito evolutivo congiunto. 


Ciclo evolutivo dell'attaccamento e ciclo di vita della famiglia in un modello integrato


Nel caso di un giovane adulto che sta lasciando la famiglia per farsene una sua, se c'è un legame sicuro, il giovane riesce più facilmente a calarsi nella realtà sociale e si crea una relazione più simmetrica con i propri genitori, mentre in caso di familiari insicuri, non sufficientemente supportivi verso la separazione, rendono questa fase più sofferta e possono costringere il giovane a separarsi bruscamente pur di non rinunciare alla propria individualità (rottura del rapporto) o a non far proprio avvenire la separazione, cmq sia, questo legame irrisolto si ripercuote poi sulle scelte future.
Pensando ad un attaccamento multiplo non è da sottovalutare l'apporto di altre figure di riferimento (es. fratelli maggiori), che possono rendere più flessibile il processo di separazione.
Nel caso della coppia appena sposata, questa deve affermare la propria identità di coppia, mantenendo un certo equilibrio tra lealtà alla famiglia d'origine e partner.
Quando c'è un legame d'attaccamento sicuro col partner si riesce a far accettare la separazione alla propria famiglia d'origine e si ha la base per l'inserimento di un terzo elemento nella coppia (il figlio).
Nel caso della famiglia con figli piccoli, si devono ridefinire i confini di coppia ed il sistema comportamentale di cura è considerato una matura trasformazione del sistema d'attaccamento dell'adulto al proprio genitore, dove la rappresentazione dell'attaccamento infantile dei genitori (primo stadio) influisce sullo sviluppo del comportamento nella cura dei bambini (secondo stadio) che costituisce il fattore determinante la qualità dell'attaccamento del bambino al genitore (terzo stadio), questo modello lineare è però messo in discussione perchè possono entrare in gioco anche altre variabili.
La triade comunque costituisce la garanzia che ognuno abbia un posto nelle diadi e nella cerchia familiare e che nessuno minacci le relazioni degli altri (condizione non raggiunta da tutte le coppie che possono limitarsi ad una interazione diadica con un terzo, e cmq quando i bisogni di sicurezza restano in primo piano è difficile dedicarsi ai bisogni di un terzo).
Nel caso della famiglia con adolescenti, ci sono i tentativi del figlio di differenziarsi dai genitori, i quali devono rinunciare gradualmente alla relazione asimmetrica e riconoscere l'emergente sessualità del figlio.
Possibili ostacoli per questo percorso sono un attaccamento insicuro, il doversi occupare dei genitori anziani ed il conflitto col proprio partner, mentre anche se c'è un attaccamento insicuro del ragazzo questo può superarlo grazie al gruppo di pari o alla relazione amorosa simmetrica.
Nel caso della famiglia nell'età di mezzo, c'è una progressiva uscita dei figli ed un'entrata di nuovi membri (nuore, nipoti, ecc...) resa possibile dall'esperienza triadica vissuta dalla diade genitoriale che trasmette senso di sicurezza al cambiamento, mentre attaccamenti insicuri possono far rimanere il figlio in casa troppo a lungo.
Infine, nel caso della famiglia nell'età anziana, ci sono diversi eventi critici, come il pensionamento, la morte del partner, la malattia, si torna all'asimmetria però inversa (per accudire i genitori che però possono cmq non perdere mai il loro status parentale) e se c'è un attaccamento insicuro la cura data ai genitori può ripercuotersi sulla propria coppia creando instabilità o nel caso di lutti non superati può esserci una distorsione della realtà.



La prospettiva di rete familiare


L'approccio dinamico-maturativo segue il percorso di progressivo adattamento del singolo modello lungo l'arco di vita in funzione di un contesto diadico implicitamente assunto come invariato nel tempo.
La life span evidenzia i cambiamenti strutturali del legame riferiti ad oscillazioni tra modalità relazionali asimmetriche e simmetriche rispondenti alle diverse necessità e richieste che provengono dai 2 membri della diade nel corso del tempo.
Invece il modello contestuale si focalizza sulle molteplici occasioni di revisione delle configurazioni di attaccamento, in corrispondenza delle varie crisi evolutive familiari offerte dalla compresenza di vari legami, che il soggetto costruisce a partire dagli attaccamenti multipli dell'infanzia.
Quindi i cambiamenti delle configurazioni di attaccamento tendono a definirsi all'incrocio di più esperienze relazionali di natura diversa, che nel contempo definiscono anche gli elementi costitutivi del nuovo modello.


Si pensa che il sistema di attaccamento adulto ricalchi in parte quello infantile, rivestendone le stesse funzioni.
Tuttavia, l'attaccamento adulto integra (a differenza dell'infantile) sistemi comportamentali sessuali e di cura.
I 3 sistemi comportamentali (di cura, sessuale e di attaccamento) contribuiscono a determinare nel loro insieme quelle caratteristiche di simmetria e reciprocità caratteristiche dell'attaccamento adulto, prevedendo una più articolata compresenza di legami multipli diversi e complementari tra loro.

Per questi studi si usano metodologie statistiche di natura multivariata in grado di rilevare la complessità della rete relazionale ed il peso dei fattori che moderano l'effetto studiato (tecniche di meta-analisi e path analysis).
La meta-analisi consente di sintetizzare i risultati di diversi studi sullo stesso argomento e di verificarne la stabilità in condizioni diverse, serve non solo ad individuare i fattori cui attribuire le discordanze, ma soprattutto a verificare l'esistenza di variabili che possono spiegare le differenze nell'entità dell'effetto.
La path analysis o analisi casuale rappresenta uno sviluppo delle tecniche di regressione multipla e consente di approfondire la natura di dipendenza, dove ipotizzando un modello di dipendenza è possibile distinguere gli effetti causali da quelli non causali e gli effetti diretti dagli indiretti, consente quindi di controllare il peso che certe variabili hanno sul fenomeno considerato e anche di scomporre i coefficienti di correlazione per individuare quali fattori determinano il loro valore.

sabato 24 giugno 2017

Attaccare post-it sulla scrivania... del computer

Ti piacerebbe prendere appunti con il tuo computer?
Si, lo so a cosa stai pensando: "blocco note".
Ma non mi stavo riferendo a ciò che hai in mente, ma a quello che di solito si fa anche nella vita reale quando si vuole prendere un appunto.
Esatto, sto proprio parlando di post-it per il computer, i classici fogli di carta colorati che si attaccano sullo schermo (o dove si vuole), come promemoria per ricordarsi di fare qualcosa.

Può essere la lista della spesa, un appuntamento, un qualcosa da vedere il televisione, i motivi per poter volere dei postit sul desktop del pc possono essere infiniti.

Vediamo subito come fare questa cosa su windows 10, o su altri win (dalla versione 8).


Come attaccare un post-it sulla scrivania del computer


Per poter iniziar subito a prendere appunti sullo schermo del tuo pc, in realtà non devi installare alcun software aggiuntivo per windows 10, ma cercare semplicemente tra i tuoi programmi, Sticky Notes.

Questo software preinstallato sul tuo pc, funziona in maniera molto semplice.
Cerca sticky notes dal menù cerca di windows e clicca sopra al risultato trovato.

Finirai così già in un nuovo post-it e potrai inziare subito a digitare il testo che vuoi ricordarti.
Il post it creato infatti, verrà subito memorizzato sul tuo pc, e potrai trascinarlo in qualsiasi punto del desktop, per posizionarlo dove più ti aggrada.

Attaccare post-it sulla scrivania... del computer

Tra le varie opzioni disponibili, oltre ovviamente a poter posizionare dove vuoi il tuo postit sulla scrivania del pc, potrai anche ridimensionarlo o cambiare il colore di sfondo, in modo da avere sempre uno schermo colorato ed ordinato.

Ovviamente, quando sei stufo di un post-it, puoi cancellarlo in qualsiasi momento cliccando sull'icona del cestino.

Se poi per qualsiasi ragione il tuo post-it (o i tuoi), finisse nascosto dal desktop, ti basterà cliccare sulla sua icona presente in basso nella barra di windows, per poterlo mettere in primo piano e leggerne nuovamente i contenuti.

Bene, ed anche per il tema post-it sulla scrivania del computer, è tutto.
So che ci sono anche altri programmi più potenti per fare ciò, ma questo è installato (in teoria) di default su tutti i windows (dalla versione 8), quindi è sicuramente il metodo più comodo per attaccare un post-it sullo schermo del pc.

PS si, al riavvio del pc, troverai il tuo post-it sulla scrivania, pronto a ricordarti cosa devi fare!
Leggi il post

Psicologia della personalità (10/10): Approccio social-cognitivo

Secondo l'interazionismo, la personalità è la risultante delle interazioni continue e reciproche tra l'organismo e l'ambiente.
Le espressioni della personalità sono sempre socialmente situate, cioè funzionali ad una vita di relazione con altri.
La personalità è una proprietà distintiva della specie umana, la capacità di agire trasformativamente sull'ambiente in accordo a scopi e standard personali.
Questi 3 punti sono condivisi da tutti gli autori delle teorie social-cognitive.

Secondo Mischel, la personalità è un sistema cognitivo-affettivo nel quale assumono particolare rilievo molteplici unità cognitivo-affettive in relazione tra loro, che ne mediano il rapporto con l'ambiente, come:
  • Categorie e costrutti
  • Affetti
  • Scopi, Valori
  • Competenze e Strategie di autoregolazione 


La teoria social-cognitiva di Albert Bandura


La persona è sia una costruzione che un sistema attivo che risulta dall'intreccio di:
  • Fattori biologici: stabiliscono le potenzialità e i vincoli dello sviluppo e del funzionamento
  • Proprietà psicologiche: permettono di svolgere un ruolo attivo nell'indirizzare il corso della propria vita
Il rappresenta all'interno della personalità il sistema psichico che: risulta dall'integrazione delle diverse funzioni cognitive e affettive, supervisiona i processi di autoregolazione, rende conto dell'identità e della continuità dell'esperienza personale.

Si ha un Reciproco Determinismo Triadico:
Ambiente <-> Sistema del Sé <-> Comportamento <-> Ambiente

Si parla inoltre di agenticità umana intesa come la capacità di far accadere gli eventi a seguito delle proprie azioni e come capacità di esercitare controllo sulla natura e sulla qualità della propria vita.
Le proprietà dell'agenticità umana sono:
  • Simbolizzazione: capacità di rappresentare simbolicamente la conoscenza
  • Apprendimento vicario: capacità di acquisire conoscenze, abilità e tendenze tramite l'osservazione e il modellamento
  • Previsione: capacità di anticipare gli eventi futuri e le loro probabili conseguenze
  • Autoriflessione: capacità di riflettere in modo cosciente su se stessi
  • Autoregolazione: capacità di stabilire obiettivi e valutare le proprie azioni in base a standard interni di prestazione
L'autoefficacia percettiva di Bandura afferma l’importanza di sapere di saper fare.
Le convinzioni d'efficacia riflettono l’effettiva capacità dell’individuo di autoregolarsi e operare con successo in particolari ambiti di attività.
Queste convinzioni di autoefficacia influenzano:
  • Processi cognitivi
  • Processi affettivi
  • Processi di selezione
  • Processi motivazionali
Le convinzioni di efficacia personale influenzano la motivazione determinando:
  • gli obiettivi perseguiti
  • gli sforzi profusi
  • la perseveranza di fronte alle difficoltà
  • le reazioni ai fallimenti
Le persone con alta autoefficacia percepita:
  • tendono a scegliere attività e compiti impegnativi come occasioni di crescita personale
  • hanno livelli di aspirazione ambiziosi e realistici
  • si impegnano a fondo e perseguono gli obiettivi con determinazione
  • reagiscono positivamente ai fallimenti
  • di fronte alle difficoltà impreviste non si fanno sopraffare dall’ansia
  • nelle avversità non cedono allo sconforto
Le persone con bassa autoefficacia percepita:
  • Tendono a rifuggire da compiti impegnativi
  • Hanno bassi livelli di aspirazione
  • Mostrano scarso impegno nelle difficoltà e tendono alla rinuncia precocemente
  • Sono vulnerabili alle frustrazioni e allo stress
L'autoefficacia si sviluppa per: persuasione, imitazione, pratica diretta, regolazione delle emozioni e delle reazioni corporee.

<< Lezione precedente


Torna all'elenco delle lezioni

 

venerdì 23 giugno 2017

Come cancellare la cronologia su Opera

Se utilizzi il browser opera, magari potresti ritrovarti nella condizione di voler una maggior privacy  riguardo i tuoi dati di navigazione.
Magari non vuoi far sapere a chiunque si colleghi al tuo pc, quali siti hai navigato, soprattutto nei casi in cui ti ritrovi ad usare un computer non tuo (es. in un internet caffè).

Vediamo dunque come fare per per cancellare la cronologia di navigazione di opera, in modo da non lasciare traccia della propria attività online, e vivere quindi più sereni.


Come cancellare la cronologia su Opera


Per poter eliminare la cronologia di opera browser, segui i seguenti passaggi:
  1. Apri il browser
  2. Clicca su Menù in alto a sinistra
  3. Clicca su Impostazioni
  4. Clicca su Riservatezza & Sicurezza
  5. Clicca su Elimina i dati della navigazione
  6. Seleziona come range di tempo dall'inizio
  7. Seleziona quello che vuoi cancellare, tipo la Cronologia della navigazione, poi clicca sul bottone Elimina.

Come cancellare la cronologia su Opera

Avrai così fatto piazza pulita di tutte le tue visite effettuate ai siti internet tramite opera browser.

I dati che puoi cancellare da questa sezione sono infatti:
  • cronologia navigazione
  • cronologia trasferimenti
  • cookie ed altri dati dei siti
  • immagini e file nella cache
  • password
  • dati per l'autocompletamento dei moduli
  • dati dei servizi di terze parti

Bene, adesso sai come cancellare la cronologia di opera... e non solo.
Se però vuoi vedere tutto ciò spiegato in una videoguida, eccoti accontentato:
https://youtu.be/pwB51vQWBMI


Buona privacy su opera :)

Eliminare accesso account google dal pc

Da un po' di tempo a questa parte, google salva gli accessi effettuati da tutti gli account, direttamente nel browser del pc in cui è stata effettuata la login.
Mi spiego meglio.
Se ti colleghi con il tuo account google su un browser (es. chrome), poi, anche se ti disconnetti o riavvii il computer, quando riaccedi a google e vai nella sezione degli account per far nuovamente accesso, il tuo account è ben visibile.
Ti basterà infatti cliccare sul tuo nome per poter far nuovamente accesso.

Se invece la tua necessità è quella di rimuovere l'accesso google da un pc / browser, in modo da evitare che chiunque acceda al tuo computer sappia quali sono i tuoi utenti google... continua a leggere :)


Come eliminare l'accesso / account google dal proprio pc / browser


Per poter rimuovere un account google dalla lista degli utenti che possono accedere ai servizi offerti da google tramite uno specifico browser, segui questi semplici passaggi:
  1. Vai nella home page di google
  2. Clicca in alto a destra su Accedi
  3. Nella finestra degli account, clicca in basso sulla voce Rimuovi un account
  4. Posizionati alla destra del profilo google da eliminare e clicca sulla croce
  5. Dai la conferma cliccando sulla voce Si, rimuovi

Eliminare accesso account google dal pc

Il messaggio di conferma di google sarà una cosa del genere:
"iltuoindirizzo@google.com non sarà più utilizzato con i servizi Google su questo browser. Quando sei pronto, esegui l'accesso per tornare a utilizzare il tuo account".

Come puoi ben capire, questa operazione non è ovviamente irreversibile.
In qualsiasi momento potrai infatti riloggarti con il tuo utente google, e questo tornerà ad apparire nell'elenco delle login disponibili su browser utilizzato.

Se poi vuoi vedere con i tuoi occhi come rimuovere un account google da un dispositivo (in questo caso il browser), guarda questa mia videoguida:
https://youtu.be/n0_QhgNRRUM


Fine tutorial.

La mummia - Il ritorno

La mummia - Il ritorno è un film azione / avventura / fantastico del 2001 diretto da Stephen Sommers, con Brendan Fraser, Rachel Weisz, Arnold Vosloo, John Hannah, Oded Fehr, Freddie Boath, Alun Armstrong, Patricia Velásquez, Adewale Akinnuoye-Agbaje.

La mummia - Il ritorno

Trama

I due avventurieri Evelyn Carnahan e Rick O'Connell sono sempre in giro per il mondo in cerca di reliquie ed antichità varie.
La felice coppia di esploratori ha ora un figlio, Alex, che ha preso lo stesso carattere coraggioso dei suoi genitori.
Ancora una volta però, un pericolo dal passato turberà la vita di Evelyn e Rick, i quali dovranno vedersela con il temutissimo Re scorpiorne, oltre che con il loro immortale nemico, il sacerdote stregone Imhotep.


Recensione

La mummia - Il ritorno, alias la mummia 2, è il seguito del fortunato film d'avventura la mummia.
Di solito i seguiti non sono mai belli come i primi capitoli, ma questo nuovo film della saga de la mummia, non solo regge il confronto con il primo capitolo, ma rischia anche di battere il suo predecessore.
Oltre alla consolidata coppia di protagonisti, in questa pellicola abbiamo un figlio davvero sveglio, l'implacabile nemico della scorsa volta, ed una new entry, il mastodontico "re scorpione".
Azione, avventura, ironia, storia brillante e ben raccontata, fanno di questo "La mummia - Il ritorno", un ottimo sequel da non perdere.

Link alla scheda del film su wikipedia

giovedì 22 giugno 2017

Come eliminare un commento su Youtube

Se hai un canale su youtube e tanti bei video caricati online, potrebbe anche capitare di ricevere dei commenti non graditi.
E' proprio in questi casi che sapere come cancellare commenti su youtube può servirci a rimettere le cose a posto.
Per la serie, occhio non vede cuore non duole (cit.)

Vediamo dunque di imparare a rimuovere commenti youtube non desiderati, in modo da poter fare un po' di pulizia sul proprio canale/profilo.


Come eliminare un commento su Youtube


La procedura per la rimozione di un commento su youtube è semplicissima.
Segui i seguenti passaggi:
  1. Fai accesso con user e password a yt
  2. Entra nel video in cui è presente il commento indesiderato
  3. Clicca sui 3 puntini verticali alla destra del commento
  4. Clicca sul tasto Elimina (o Rimuovi, se il commento non è tuo)

Come eliminare un commento su Youtube

Avrai così cancellato il post dal video e non lo vedrai mai più online.

Questa procedura ovviamente può servire anche per cancellare i propri commenti online, nel caso si cambi idea sul voler lasciare la propria opinione nei video altrui.
In questo modo si può anche smorzare qualsiasi discussione non desiderata sul nascere.

Se vuoi vedere più chiaramente come fare, guarda questa mia videoguida:
https://youtu.be/r1aqueWlMUw


Attenzione però, eliminare un commento youtube vuol dire farlo sparire per sempre.
Non esiste alcun tasto annulla, il commento rimosso sarà perso per sempre.

Ri attenzione, questo non vuole però dire che sei hai offeso qualcuno la puoi fare sempre franca rimuovendo il commento con l'insulto.
Se il tuo commento infatti è già stato segnalato, gli amministratori di youtube comunque lo possono vedere, e potranno decidere lo stesso di bannarti.

L'ultima cosa che posso dire su questo argomento è che: puoi cancellare i tuoi commenti su qualsiasi video yt, mentre i commenti degli altri utenti li puoi rimuovere solo se vengono fatti sui tuoi video, o se sono annidati ad un tuo commento principale, come risposta.

La mummia (film 1999)

La mummia (film 1999) è un film azione / avventura / fantastico del 1999 diretto da Stephen Sommers, con Brendan Fraser, Arnold Vosloo, Rachel Weisz, John Hannah, Kevin J. O'Connor, Oded Fehr, Jonathan Hyde, Erick Avari, Omid Djalili.

La mummia (film 1999)

Trama

L'avventuriero Richard "Rick" O'Connell e la bella bibliotecaria Evelyn Carnahan, si ritrovano loro malgrado insieme ad affrontare una insolita quanto pericolosa situazione.
Alcuni scavi infatti, hanno risvegliato una pericolosa mummia egiziana, un antico e malvagio sacerdote di nome Imhotep.
Lo scopo di Imhotep è quello di riacquistare appieno i suoi poteri, risvegliare la sua donna, ed ovviamente, dominare il mondo.
Spetterà all'insolita coppia d'avventurieri, il difficile compito di rimettere a nanna l'antica mummia.


Recensione

La mummia è un bellissimo film d'avventura/fantastico del 1999.
In questa pellicola ci sono tutti gli elementi per un film d'azione di successo: un nemico implacabile, spettacolari effetti speciali, suggestive ambientazioni, una bellissima protagonista, ed un eroe forte quanto ironico.
Sì, detta così, la mummia sembra il classico film già visto e rivisto, ma in questo caso però, tutti questi elementi sono perfettamente mixati tra di loro, ed il risultato finale è un film che ti tiene incollato allo schermo dall'inizio alla fine.
C'è poco altro da aggiungere riguardo a questo film: se vi piace il genere, non lasciatevelo assolutamente scappare!

Link alla scheda del film su wikipedia

mercoledì 21 giugno 2017

La festa delle fidanzate

La festa delle fidanzate è un film drammatico del 2017 diretto da Michael Paul Stephenson, con Bob Odenkirk, Amber Tamblyn, Stacy Keach, Alex Karpovsky, Kevin O'Grady, Rich Sommer, Larry Fessenden, Natasha Lyonne, Andy Richter, June Diane Raphael.

La festa delle fidanzate
Trama

Lo scrittore Ray Wentworth è una leggenda nel mondo dei biglietti d'auguri.
Dopo aver scritto i migliori biglietti romantici e commemorativi però, Ray passa una profonda crisi, il classico blocco dello scrittore.
Costretto dunque a ricominciare da capo, Ray finirà immischiato in una serie di omicidi e di situazioni strane, che lo porteranno ad una lunga serie di guai.
Nonostante le circostanze però, lo scrittore cercherà con tutte le sue forze di ritrovare la vena creativa per poter scrivere il biglietto d'auguri perfetto, prima della festa per il giorno della fidanzata.

Recensione

La festa delle fidanzate (Girlfriend's Day) è un film drammatico ed un po' thriller del 2017.
Se devo essere sincero, ho visto questo film solo per la presenza dell'avvocato più famoso di Breaking Bad, ovvero Saul Goodman, interpretato dall'emergente attore Bob Odenkirk.
Non metto in dubbio la bravura e la professionalità di Bob, ma questo film che razza di pellicola è?
In alcuni punti "La festa delle fidanzate" è a dir poco surreale, per non dire grottesco.
Non so se nel mondo esista questa professione, e soprattutto se è così venerata, ma la storia che gli è stata ricamata dietro ha dell'inverosimile.
Concludendo quindi, il film non mi è molto piaciuto, l'ho trovato un po' noioso, e soprattutto poco credibile.