martedì 23 aprile 2019

Leggi il post

Due barzellette sui nomi

Due barzellette sui nomi.
Freddure della categoria nomi:

- Come si chiama il Santo protettore dei parassiti?
- San Guisuga!


- Come si chiama il più grande campione di poker cinese?
- CHON FULL!


lol 

lunedì 22 aprile 2019

127 ore (film)

127 ore è un film thriller, biografico, drammatico del 2010 diretto da Danny Boyle, con James Franco, Kate Mara, Amber Tamblyn, Clémence Poésy, Lizzy Caplan, Treat Williams, Kate Burton.

127 ore
Trama

Aron Ralston è un alpinista statunitense di 27 anni, amante del trekking e della mountain bike, che decide di partire per una gita solitaria nel Blue John Canyon dello Utah.
Aron è molto preparato e prudente, ma in questo sport gli imprevisti sono sempre dietro l'angolo.
A causa di una improvvisa caduta infatti, Aron finisce intrappolato in un Canyon, con l'impossibilità di tornare a casa.
Le ore passano e la situazione del giovane si fa sempre più seria, anche considerando che in quel percorso non sembra passare nessuno, così Aron dovrà trovare a tutti i modi un modo di liberarsi prima che la sua vita inizi ad essere in pericolo.


Recensione

127 ore (127 hours) è un film drammatico / biografico del 2010.
La pellicola parla infatti della vera storia di Aron Ralston, un alpinista americano che si è realmente trovato nella situazione citata nel film.
Se vi è mai capitato di fare gite in montagna in solitaria, questo film fa molto riflettere sui reali rischi che si corrono quando si va in certi posti da soli.
Basta infatti un incidente, magari dovuto ad una banale distrazione, ed ecco che ci si può trovare anche a rischiare la vita.
Non dirò nulla sulla trama del film, perchè qualsiasi altra informazione sarebbe semplice e puro spoiler, quindi mi limiterò a dire che questa pellicola mi è piaciuta particolarmente.
Pur parlando di una storia apparentemente molto monotona, centoventisette ore si lascia guardare dall'inizio alla fine senza mai annoiare.

Link alla scheda del film su wikipedia

domenica 21 aprile 2019

Leggi il post

Il carabiniere ed il pulcino (barzellette)

Due barzellette divertenti, una sui carabinieri e l'altra su un pulcino.

- Perché i Carabinieri hanno tutti i baffi?
- Perché sulle lamette c'è scritto "DA BARBA"!


 - Cosa dice un pulcino romano dentro un forno?
- "Pio foco!"


lol

sabato 20 aprile 2019

Leggi il post

Due colmi (barzellette)

Due barzellette sui colmi.
Freddure divertenti su colmi famosi e non.

- Qual è il colmo per un musicista?
- Essere suonato!


 - Sapete qual'è il colmo per 2 scatole di pelati scadute che si incontrano al supermercato?
- Scoprire di essere amiche di vecchia data!

venerdì 19 aprile 2019

Leggi il post

Barzellette su avvocati, carabinieri e meteorologi

Due barzellette divertenti.
Una freddura sui carabinieri, sugli avvocati e sui meteorologi.

- Perché i Carabinieri portano sempre un paio di manette in testa?
- Per arrestare la caduta dei capelli.


- Com'è composto il miglior doppio di tennis?
- Da un avvocato ed un meteorologo: il primo conosce i diritti ed il secondo i rovesci.


lol 

giovedì 18 aprile 2019

Cosa vedere a Zara (Croazia)

Zara, o Zadar in Croato, è una città della Dalmazia, regione della Croazia, che si affaccia sul mar Adriatico e che conta circa 75000 abitanti.
Zadar è la capitale storica della Dalmazia, anche se ormai Spalato la supera di gran lunga come numero di abitanti, e come quest'ultima anche Zara in passato è stata conquistata dalla Repubblica di Venezia.

Delle tante mete che potevo scegliere in questo periodo, a dire il vero la Croazia non era neanche in considerazione, ma quanto ti trovi un volo di circa 37 euro andata e ritorno, bè, tutto cambia :)
Ed eccomi qui a parlare di questa bellissima esperienza croata, un viaggio che mi ha portato a visitare ben 5 luoghi diversi:
  1. Zara (Zadar)
  2. I Laghi di Plitvice
  3. Traù (Trogir)
  4. Spalato (Split)
  5. Sebenico (Sibenik)

Essendo il mio volo in arrivo ed in partenza da Zara, questa città è stata per forza di cose il campo base per tutte le escursioni fuori porta che ho poi fatto.
Ma Zadar non è stata solo una semplice base di partenza per gite in giornata, no proprio per niente, è stata invece una piacevole città tutta da scoprire.

Cosa vedere a Zara (Croazia)


Cosa vedere a Zara


La città di Zara / Zadar, come altri luoghi costieri della Croazia, si divide praticamente in due.
La città nuova, dove vive la maggior parte della gente e dove sostanzialmente c'è poco e niente da vedere, e la città vecchia, che racchiude tutti i luoghi d'interesse di Zara.

Zadar vecchia è infatti adagiata in una specie di isolotto circondato da alte mura, come si usava fare in tempi medievali.
Di dimensioni decisamente ridotte, Zara si gira tranquillamente a piedi in mezza giornata.
Ci sono però delle attrazioni che meritano di essere visitate in determinati orari, quindi direi che almeno un giorno ed una notte sono d'obbigligo a Zadar, se non altro perchè anche come vita notturna non scherza per niente.

Ecco cosa vedere a Zadar:
Seguendo un itinerario lineare da sud-est verso nord, si può iniziare con il parco Queen Jelena Madijevka Park, per poi entrare in città dalla Porta Terraferma e visitare subito la piazza dei cinque pozzi (5 Wells Square).
Il suggerimento è poi quello di visitare il centro storico di Zara in maniera totalmente randomica, perdendosi nei suoi tanti vicoli, senza però saltare luoghi come il Duke's palace, l'università Rectorate, la Piazza dei Signori e la Chiesa di Santa Maria.
Per una pausa pranzo o per comprare dell'ottimo cibo a prezzi economici c'è poi il Ribarnica Fish Market, nei pressi della bellissima Chiesa di San Crisogono.
Proseguendo dunque verso nord si arriva nella zona più famosa di Zara, la Old Town Square, che comprende attrazioni come il Foro Romano, la Chiesa di San Donato e la Cattedrale di Sant'Anastasia.

strade cittadine
mura di zara
big church
Cattedrale di Sant'Anastasia
strade antiche
orologio città
vicoli zadar
mura sul mare
porta di terra
piazza cinque pozzi
mercato zara
gatto affamato
chiesa con statua
zara street
foro romano

Completano l'elenco delle cose da fare assolutamente a Zara, il famoso Organo marino ed Il Saluto al Sole.
Il primo è qualcosa di assolutamente unico al mondo, in quanto si tratta di un organo naturale che suona grazie alle onde del mare. Certo, non si tratta di un qualcosa di orecchiabile, anzi a mio avviso è un rumore abbastanza fastidioso alla lunga, ma diciamo che è comunque un'attrazione originale.
Abbiamo poi il saluto al sole, che altri non è che una sorta di pannello solare che accumula energia di giorno per poi emettere luci colorate la sera, un gioco da bambini che però attrae molti turisti.

scale organo
buchi dell'organo
insegna organo
Il Saluto al Sole
giochi di luce

Tra l'altro, sempre nell'estremo nord di Zadar, proprio in questa parte chiamata il saluto al sole, è possibile ammirare uno stupendo tramonto.
Il tramonto di Zara è stato valutato dal famoso regista Alfred Hitchcock, il tramonto più bello del mondo...
Ecco, avendolo visto di persona, anche se non con tempo splendido, posso dire che, si è carino, ma che nel mondo c'è di molto meglio, come ad esempio il tramonto di El Nido nelle Filippine.
Forse Alfred era più famoso per essere un grande regista che un grande viaggiatore?

Tramonto Zadar
Tramonto di Zara

Cultura e centro storico a parte, Zadar è anche ottima per lo shopping e la movida, sia grazie alla presenza di diversi negozi e negozietti sulle vie principali della città, sia per la presenza di qualche centro commerciale, come il famoso City Galleria.
E se ancora non bastasse, Zadar vanta anche alcune belle spiagge per fare il bagno (la più vicina è la famosa Kolovare Beach)... un po' sassose ma carine.

City Galleria
Kolovare Beach
onde potenti a zara


Conclusioni


Zara è una bellissima città.
Con un centro storico piccolo, chiuso al traffico e visitabile a piedi, Zadar è l'ideale per una vacanza all'insegna del relax e delle cose semplici.
Se poi si vuole usare questa città come punto di partenza per altre gite, sappiate che la sua posizione è ottima sia per visitare il parco nazionale Plitvice, sia per le vicine isole, che per le altre città della Dalmazia.

Se volete assaporare un ottimo riassunto di questo mio bel viaggio, vi invito a guardarvi le foto di Zara in formato slideshow sul mio canale youtube:
https://youtu.be/y2x4ntY0XpU

mercoledì 17 aprile 2019

Come visitare i laghi di Plitvice (Croazia)

Il parco nazionale dei laghi di Plitvice (in croato Nacionalni park Plitvička jezera) è un'area naturale protetta della Croazia situata nel complesso montuoso di Lička Plješivica, in un territorio fatto di foreste, corsi d'acqua, laghi e cascate.

Vistare i laghi Plitvice almeno una volta se ci si reca in vacanza in Croazia è una cosa quasi d'obbligo, in quanto questo parco nazionale patrimonio dell'umanità Unesco è un'attrazione davvero straordinaria da ammirare.
Laghi con acque cristalline e dai colori che vanno dal verde smeraldo all'azzurro turchese, cascate, foreste incontaminate e tanti tanti sentieri per fare trekking... questi sono i fantastici laghi di Plitvice.

Come visitare i laghi di Plitvice (Croazia)


Quando andare ai laghi di Plitvice 


Sicuramente vi starete chiedendo quale sia la stagione migliore per visitare i laghi Plitvice, e dopotutto è una domanda più che lecita se si decide di andare ad ammirare una bellezza naturale come questa.
A questo proposito posso dire che ci sono pareri contrastanti, ma che in linea di massima la primavera è un ottimo periodo per visitare i laghi di Plitvice.

Però anche l'autunno con i suoi colori e l'inverno con la neve possono regalare un fascino magico a questo immenso parco, anche se d'inverno e con il brutto tempo va anche considerato il fatto che alcuni percorsi potrebbero essere chiusi ed inagibili.

L'unico periodo che mi sento vivamente di sconsigliarvi è invece l'estate, non tanto perchè il parco non sia meraviglioso in quel periodo, anzi, ma più che altro perchè in alta stagione potrebbe risultare tutto un po' troppo affollato.
Io mi sono recato a Plitvice fuoristagione e già così ho trovato in certi posti un po' troppa folla, figuriamoci in pieno agosto.




Come visitare i laghi di Plitvice


Veniamo dunque al titolo del post.
Per visitare al meglio il parco nazionale di Plitvice occorre prepararsi con un attimo di anticipo.
Intendiamoci, leggendo su internet troverete che ci sono diversi percorsi praticabili (A, B, C, ecc...), che variano per la lunghezza e la durata della gita, ma non preoccupatevi, dal vivo poi è tutto molto più semplice e chiaro di quanto non appaia sul web.

Innanzitutto distinguiamo il fatto che Plitvice si divide in laghi maggiori e laghi minori, e che le cose belle da vedere sono su entrambe le zone, quindi la gita va pianificata con parsimonia, anche in base a quanto tempo si ha a disposizione.

Per essere precisi per visitare appieno i laghi Plitvice servono due giorni, almeno.
Per questo motivo molti scelgono di dormire in un hotel vicino al parco e poter così usufruire di un'ingresso esteso di due giorni al posto che uno.

Se però come me avete solo un giorno a disposizione, magari arrivando da una città un po' lontana, come nel mio caso Zara, allora occorre fare delle scelte.

Il percorso tipico è quello di visitare subito l'attrazione numero uno, la famosa grande cascata (Veliki slap), per poi risalire il percorso laghi fino al traghetto.
Si, ho dimenticato di dirvelo, il tragitto tra i laghi maggiori e minori è in pendenza.

Se però volete ridurre le code, fate come me, girate al contrario.
Al posto di andare subito alla cascata, dall'ingresso 1 recatevi a sinistra fino a raggiungere il treno elettrico nella ST1, con il quale raggiungete il capolinea ST3 (probabilmente dovrete cambiare trenino), da lì visitate a piedi i laghi di quella zona seguendo un percorso che vi porterà fino a prendere il traghetto elettrico nella stazione P2.
Navigate ammirando il panorama fino alla stazione P3 e da lì proseguite a piedi fino alla Big Waterfall (Veliki slap), da ammirare da sotto, ma anche dall'alto del punto panoramico denominato Secret view.
Per raggiungere il secret view basta salire sulla ripida scalinata sotto la cascata, poi andare a destra, superare la strada asfaltata sempre a destra, e dopo un ponte di legno vicino ad una casa diroccata, imboccare un sentiero poco segnalato che vi porterà al punto panoramico.
Ammirato il parco dall'alto, potrete tornare indietro ed uscire dall'entrata 1.

mappa plitvice

Con questo percorso di circa 4 ore, che alterna pezzi a piedi con bus e battelli elettrici, potrete ammirare le cose principali del parco Plitvice in un tempo ragionevole, facendo un percorso quasi tutto in discesa e con un numero di turisti un po' più ridotto del normale (ma ogni tanto verrete comunque circondati dai Cinesi, spesso in comitiva e rumorosi).
Grazie a questo percorso infatti, potrete sia ridurre la fatica, sia ridurre la folla, ammirando al tempo stesso dei panorami incantevoli.

bus elettrico
lago specchio
percorso guidato
acqua verde
cascata che spacca
battello elettrico
anatra nel lago
grotta segreta
percorso dall'alto
Veliki slap
Secret view


Cosa non fare al parco Plitvice


Ovviamente se vi capita di incrociare qualche animale, evitate di dargli fastidio.
Inoltre al parco Plitvice  è vietato portare droni, il che è un vero peccato visto le riprese fantastiche che si potrebbero fare.
Ed è anche vietato fare il bagno nei laghi, peccato.
Infine, è espressamente vietato uscire dai percorsi turistici.
Questo per motivi di sicurezza in quanto potreste trovarvi in situazioni poco piacevoli e rischiare anche di precipitare da qualche rupe.
Io ovviamente ho provato ad allontanarmi dai turisti anche in questo modo, ma poi dopo essermi trovato abbastanza in difficoltà ho deciso di ritornare sulla retta via, che comunque offre lo stesso panorami mozzafiato.
Certo, se si gioca agli esploratori magari si riesce a vedere qualche animale in più, però è anche vero che in questo parco bazzicano anche orsi e lupi, quindi non so quanto questi incontri possano essere piacevoli :)

vietato l'accesso
fuori percorso
vietato tuffarsi :p


Conclusioni


Il parco nazionale dei laghi di Plitvice è un'attrazione da non perdere assolutamente se ci si reca in Croazia.
Se non la cosa più importante, è la seconda attrazione del paese, in quanto è un qualcosa di veramente unico e magico, adatto sia ad adulti allenati che a famiglie con bambini.
Con i suoi tanti percorsi ben tracciati e sicuri, i laghi di Plitvice si lasciano visitare in ogni loro angolo, regalando panorami indimenticabili dall'alto, possibili incontri ravvicinati con animali selvaggi, colori spettacolari di acque cristalline con riflessi impressionanti, e cascate davvero meravigliose.

Volendo fare i pignoli, l'unico appunto che mi sento di fare è riferito al fatto che non si può fare il bagno nei laghi.
Posso anche capire che è per preservare la natura, ma essendo la zona piena di laghetti, almeno uno potevano dedicarlo alla balneazione... vabbè, fa niente!

Conclusioni: se vi recate in Croazia, andate a vedere i laghi di Plitvice, o se proprio non potete andarci, guardatevi almeno le mie foto di Plitvice, e magari cambierete idea:
https://youtu.be/8RtkEpVCBIY

martedì 16 aprile 2019

Sebenico ed il Trono di Spade (Croazia)

Continua il mio viaggio alla scoperta delle location del Trono di Spade (Game of thrones), fortunata serie-tv americana da me molto apprezzata.
Questa volta mi sono recato nella città croata Sebenico, nota anche come Sibenik.

Sebenico è una città della Croazia di circa 46300 abitanti, capoluogo della regione di Sebenico e Tenin, situata nella regione della Dalmazia lungo il mare Adriatico, presso la foce del fiume Cherca in una baia naturale collegata al mare dal canale di Sant'Antonio.
Sebenico è la più antica città fondata dai croati sulla costa adriatica, nominata per la prima volta su documento nel lontano 1066, nel quale viene chiamata Krešimirova, nome in seguito cambiato in Šibenik, poi tradotto in italiano come Sebenico.

Sibenik, come le altre città che ho precedentemente citato in questo mio viaggio in Croazia datato Marzo 2019, è una città in stile medievale ricca di stretti vicoli, antichi palazzi e case rurali, che vanta anche la presenza di ben 3 castelli, da ammirare da lontano o da visitare al loro interno.

Sebenico ed il Trono di Spade (Croazia)


Sebenico ed il Trono di Spade


Come ho scritto nell'apertura di questo post, Sibenik è stata scelta come una delle locations del Trono di Spade, la fortunata serie tv della HBO.
Entrando più nello specifico, questa città è stata selezionata come location principale della città libera di Braavos, dove Arya Stark si allenava a diventare un'assassina del Dio dai mille volti.
Ma non solo, nei pressi della famosa Cattedrale di San Giacomo si è celebrato il matrimonio tra Tommen Baratheon e Margaery Tyrell, e quindi di fatto Sebenico è stata in parte scelta anche per interpretare Approdo del Re di Game of Thrones.

Con un po' di immaginazione e memoria visiva, si può osservare il porto piccolo di Sebenico e ricordarsi la scena in cui Arya approda al porto di Braavos, oppure rivivere le scene in cui la giovane Stark scappava per gli stretti vicoli della città inseguita dalla sua assassina.

location game of thrones
chiesa matrimonio trono di spade
vie dove scappava Arya Stark
porto di Braavos... con un po' di immaginazione
Il Dio dai 1000 volti?


Cosa vedere a Sibenik


Come per le altre due città che ho precedentemente visitato, Traù e Spalato, anche Sebenico merita di essere scoperta a prescindere dal fatto che si sia fans di Game of thrones o meno.
Non troppo grande, Sibenik può essere visitata comodamente a piedi, anche se si ambisce a recarsi nei vicini castelli che la sovrastano.

Ecco dunque cosa vedere a Sebenico:
Appena entrati a Sibenik si può visitare subito la bella chiesa Sveti Frane e la vicina statua nel parco Spomenik hrvatskom kralju Petru Krešimiru IV.
Abbiamo poi il teatro Hrvatsko narodno kazalište e la chiesa Sveti Krševan.
Addentrandosi poi nella città vecchia, si raggiunge il più famoso luogo turistico di Sebenico, la Cattedrale di San Giacomo, per poi proseguire verso il monastero The Monastery of the Holy Luce, il convento Srednjovjekovni samostanski mediteranski vrt Sv. Lovre, e la chiesta Church of St.. Michael.

Sveti Frane
chiesa sebenico
campanile sibenik
mano di trono?
Bicicletta nella roccia
Srednjovjekovni samostanski mediteranski vrt Sv. Lovre

Sebenico è leggermente più impegnativa di altre città della Croazia, per il semplice fatto che è un po' un sali e scendi.
Tra scale e vialetti vari, si gira a piedi che è un piacere, anche se con un po' più di fatica rispetto ad una città in piano, soprattutto se non si pianifica un giro delle cose da vedere un po' studiato.
Ad ogni modo, nulla di eccessivamente faticoso a mio avviso.

Le fortezze concludono la lista delle cose da vedere a Sibenik.
Abbiamo ben 3 castelli visitabili a Sebenico: la più famosa e ben tenuta Fortezza di San Michele, all'interno/sopra il centro storico, poi c'è la Fortezza Barone un po' fuori dal centro, ed il meno noto ma ben visibile da lontano, castello St. John's Fortress.

Fortezza di San Michele da lontano
Fortezza di San Michele
ingresso fortezza san michele
Fortezza Barone
St. John's Fortress
panorama sebenico con fortezza san michele in lontananza
castello St. John's Fortress

Purtroppo la giornata non è stata delle migliori, quindi le foto panoramiche dai vari castelli sono venute decisamente discutibili, e tra l'altro per lo stesso motivo ho anche poi deciso di non visitare un'altra attrazione famosa, la vicina spiaggia Beach Banj.
Ad ogni modo ci tengo a spezzare una lancia a favore della Fortezza San Giovanni (è la St. John's, non so se l'ho tradotta correttamente), in quanto non è molto vero il cartello che ho trovato che ne sconsigliava la visita perchè pericolosa (la fortezza è comunque abbandonata a sé stessa).
E' solo un rudere, è vero, ma direi che a meno che non si prova a scalare le mura (ma chi lo farebbe?), di rischi non ce ne sono... forse anche perchè l'accesso alle segrete era ben chiuso...

cartello di pericolo
rovine St. John's
dentro St. John's


Conclusioni


Sebenico è stata una bella sorpresa.
Ci sono andato quasi per caso, per ingannare il tempo, dato che Zara ormai l'avevo visitata tutta e dovevo comunque aspettare di prendere l'aereo in tarda serata, ma devo dire che mai gita in giornata fu più azzeccata.
A dire il vero si potrebbe visitare Sibenik dedicandole anche due o tre giorni, soprattutto in estate: un giorno per visitare la città ed i castelli, un giorno per fare una gita alle vicine isole (dove c'è almeno un altro bel castello da vedere), ed un giorno di puro relax nel bellissimo mare della Croazia.

Conclude questo post il link alle foto di Sebenico:
https://youtu.be/cRvzPhkKnUc