Visualizzazione post con etichetta varie. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta varie. Mostra tutti i post

martedì 24 gennaio 2023

Le biotecnologie: opportunità e sfide per il futuro

 

Le biotecnologie sono un campo in rapido sviluppo che si basa sull'utilizzo delle scienze biologiche per creare nuovi prodotti e processi industriali. La biotecnologia può essere utilizzata in molti campi, tra cui l'agricoltura, la medicina, la produzione di alimenti e l'ambiente.

Le biotecnologie: opportunità e sfide per il futuro

In agricoltura, le biotecnologie sono utilizzate per creare piante che sono resistenti alle malattie e alle condizioni climatiche estreme, e che possono produrre raccolti più abbondanti. Ad esempio, gli scienziati hanno creato piante di mais resistenti alla carestia di siccità, che possono continuare a crescere e produrre raccolti anche in condizioni di siccità estrema. Inoltre, le biotecnologie sono utilizzate per creare piante che contengono vitamine e minerali supplementari, che possono aiutare a prevenire le carenze nutrizionali nei paesi in via di sviluppo.

In medicina, le biotecnologie sono utilizzate per creare farmaci e vaccini più efficaci. Ad esempio, la biotecnologia è stata utilizzata per sviluppare farmaci per il trattamento di malattie come l'AIDS e il cancro. Inoltre, le biotecnologie sono utilizzate per creare vaccini più efficaci contro le malattie infettive, come l'influenza e la tubercolosi.

Nella produzione di alimenti, le biotecnologie sono utilizzate per creare alimenti più sani e più sostenibili. Ad esempio, la biotecnologia è stata utilizzata per creare alimenti a base vegetale che hanno lo stesso sapore e la stessa consistenza della carne animale, ma che sono più sani e più sostenibili dal punto di vista ambientale. Inoltre, le biotecnologie sono utilizzate per creare alimenti che contengono meno grassi e zuccheri, che possono aiutare a prevenire le malattie cardiache e il diabete.

Infine, le biotecnologie sono utilizzate per proteggere l'ambiente. Ad esempio, la biotecnologia è stata utilizzata per creare organismi che possono rimuovere i rifiuti tossici dall'ambiente e convertirli in sostanze innocue. Inoltre, le biotecnologie sono utilizzate per creare organismi che possono riparare le aree danneggiate dall'uomo, come le aree deforestate e i terreni contaminati.

In generale, le biotecnologie hanno il potenziale di migliorare significativamente la qualità della vita umana e di risolvere molti problemi globali attuali. Tuttavia, come con qualsiasi tecnologia emergente, ci sono anche preoccupazioni e questioni etiche da considerare. Ad esempio, c'è la preoccupazione che le piante geneticamente modificate possano avere effetti negativi sull'ecosistema e sulla biodiversità, e che i farmaci e i vaccini biotecnologici possano causare effetti collaterali indesiderati.

Inoltre, c'è la questione della proprietà intellettuale e dell'accesso ai benefici delle biotecnologie, soprattutto nei paesi in via di sviluppo. Ci sono state critiche riguardo all'uso delle biotecnologie per creare organismi che possono essere utilizzati per scopi militari o per attività illegali.

Per affrontare queste preoccupazioni, è importante che ci sia una regolamentazione e una trasparenza adeguate per quanto riguarda la ricerca e l'uso delle biotecnologie. Inoltre, è importante che ci sia una maggiore educazione e consapevolezza riguardo alle biotecnologie in modo che le persone possano prendere decisioni informate riguardo all'uso di queste tecnologie.

In conclusione, le biotecnologie hanno il potenziale per migliorare significativamente la qualità della vita umana e per risolvere molti problemi globali attuali, ma è importante che ci sia una regolamentazione e una trasparenza adeguate per quanto riguarda la ricerca e l'uso di queste tecnologie. Inoltre, è importante che ci sia una maggiore educazione e consapevolezza riguardo alle biotecnologie in modo che le persone possano prendere decisioni informate riguardo all'uso di queste tecnologie.

mercoledì 18 gennaio 2023

La storia di Matteo Messina Denaro

Matteo Messina Denaro è stato uno dei più noti boss della mafia siciliana, noto anche come "Diabolik" per la sua abilità nel sfuggire alla giustizia per decenni.

Matteo Messina Denaro

La sua carriera criminale iniziò negli anni '80, quando era ancora un giovane uomo. A quel tempo, era un membro attivo del clan mafioso dei Corleonesi, guidato da Totò Riina. Con loro, Messina Denaro partecipò a numerose attività illegali, tra cui estorsioni, traffico di droga e omicidi.


Nel 1993, dopo l'arresto di Totò Riina, Messina Denaro salì rapidamente di grado all'interno del clan e divenne uno dei capi del mandamento di Castelvetrano. Sotto la sua guida, il clan divenne uno dei più potenti e influenti della Sicilia occidentale.


Durante gli anni '90 e 2000, Messina Denaro fu coinvolto in numerosi omicidi, tra cui quello del giudice Giovanni Falcone e di sua moglie. Nel corso degli anni, la polizia ha cercato di catturarlo, ma è sempre riuscito a sfuggire alla cattura.


Nel 2006, la polizia arrestò alcuni dei suoi più stretti collaboratori, tra cui il suo fratello e il suo braccio destro. Tuttavia, Messina Denaro è riuscito a evitare l'arresto e si è dato alla fuga.


Per molti anni, la polizia ha cercato invano di catturarlo. Nel 2016, la polizia ha arrestato uno dei suoi uomini di fiducia, Filippo Guttadauro, il quale ha rivelato alcune informazioni sulla sua posizione.


Infine, il 16 novembre 2016, la polizia è riuscita ad arrestare Matteo Messina Denaro in una fattoria nel sud della Sicilia, dove si nascondeva da decenni. La cattura di Messina Denaro è stata considerata una grande vittoria per la lotta contro la mafia siciliana.


Al momento dell'arresto, Messina Denaro era considerato uno dei boss della mafia più ricercati al mondo. La sua cattura ha rappresentato un duro colpo per la criminalità organizzata in Sicilia e ha dimostrato che la giustizia può vincere contro la mafia, anche dopo decenni di fuga.


In conclusione Matteo Messina Denaro è stato uno dei boss più influenti e pericolosi della mafia siciliana, noto per la sua abilità nell'evitare la giustizia.

giovedì 5 gennaio 2023

Come mai il Monte del Tempio crea tensioni in Medio Oriente?

Il Monte del Tempio è una collina situata nella città vecchia di Gerusalemme.

È un luogo sacro per tre religioni: l'ebraismo, il cristianismo e l'islam.
Per gli ebrei, il Monte del Tempio è il luogo dove si trovava il Primo Tempio di Gerusalemme, che è stato distrutto nel 587 a.C. dai babilonesi.
Per i cristiani, il Monte del Tempio è il luogo dove Gesù Cristo ha predicato e dove è stato crocifisso, secondo la tradizione cristiana.
Per i musulmani, il Monte del Tempio è il luogo dove Maometto è salito al cielo durante la sua Notte del Viaggio (Isra e Mi'raj).
Oggi, il Monte del Tempio è anche conosciuto come Monte delle Tensioni, poiché è stato al centro di molte controversie e conflitti tra le diverse comunità religiose.

Monte del Tempio

La Spianata delle Moschee è una grande piazza situata nella città vecchia di Gerusalemme, a pochi metri a nord del Monte del Tempio.
È un luogo sacro per i musulmani, poiché al centro della spianata si trova la Moschea di Al-Aqsa, che secondo la tradizione islamica è il luogo dove Maometto è salito al cielo durante la sua Notte del Viaggio (Isra e Mi'raj).
La Moschea di Al-Aqsa è la terza moschea più sacra dell'Islam, dopo la Moschea di Mecca e la Moschea di Medina.
La Spianata delle Moschee è anche conosciuta come la Spianata delle Cupole d'Oro, poiché la moschea è coperta da una cupola dorata.
La spianata è un luogo molto visitato dai pellegrini musulmani e anche un luogo di preghiera per gli abitanti di Gerusalemme.
Tuttavia, la Spianata delle Moschee è stata anche teatro di tensioni e conflitti tra le diverse comunità religiose che si rivendicano il controllo del luogo.

 

Perchè ci sono tensioni nel Monte del Tempio?


Ci sono diverse ragioni per cui il Monte del Tempio è stato un luogo di tensione per molto tempo.
Innanzitutto, il Monte del Tempio è un luogo sacro per tre religioni: l'ebraismo, il cristianismo e l'islam.
Ciò significa che ci sono diverse comunità religiose che si rivendicano il controllo del luogo e che spesso hanno opinioni contrastanti su come dovrebbe essere gestito e utilizzato.
Inoltre, il Monte del Tempio si trova a Gerusalemme, che è una città altamente simbolica e significativa per molte persone in tutto il mondo.
Ciò significa che il Monte del Tempio è anche un luogo di grande importanza politica e ci sono stati molti conflitti e tensioni tra le diverse comunità e i paesi che si rivendicano il controllo della città.
Infine, il Monte del Tempio è stato spesso al centro di controversie e conflitti a causa della sua storia complessa e delle molte guerre e occupazioni che ha subito nel corso dei secoli.
Tutti questi fattori hanno contribuito a rendere il Monte del Tempio un luogo di tensione nel corso degli anni.

mercoledì 4 gennaio 2023

Recensione AOVO PRO: monopattino elettrico leggero e con buona autonomia

Recensione AOVO PRO: monopattino elettrico leggero e con buona autonomia


Ho avuto l'opportunità di testare il monopattino elettrico Aovo Pro per più di un anno e sono rimasto molto soddisfatto della sua prestazione.

 

Innanzitutto, è importante sottolineare che il monopattino Aovo Pro è molto ben costruito. Il telaio è solido e robusto, con una struttura in alluminio che lo rende leggero ma resistente. Anche i componenti del monopattino, come le ruote e il manubrio, sono di alta qualità e ben assemblati.

Un altro aspetto che mi ha colpito positivamente è la facilità di utilizzo del monopattino. Il sistema di controllo è intuitivo e facile da imparare, anche per chi non ha mai usato un monopattino elettrico prima. Inoltre, il display LCD sul manubrio offre una visualizzazione chiara e precisa della velocità, della distanza percorsa e dello stato della batteria.

AOVO PRO

Parlando della batteria, devo dire che sono rimasto molto soddisfatto dell'autonomia del monopattino Aovo Pro. La batteria al litio da 36V e 10Ah offre un'autonomia di circa 25 km, che per me è più che sufficiente per i miei spostamenti quotidiani. La batteria si ricarica in circa 4-5 ore, quindi è facile tenerla sempre pronta all'uso.

Un altro aspetto che mi ha colpito positivamente è la stabilità del monopattino Aovo Pro. Le ruote da 8,5 pollici con pneumatici antiforatura garantiscono una guida stabile e sicura, anche su superfici irregolari o bagnate. Inoltre, il sistema di frenata a disco su entrambe le ruote è molto efficiente e permette di fermare il monopattino in modo sicuro in qualsiasi situazione.

Un altro aspetto che mi ha colpito positivamente è la silenziosità del monopattino Aovo Pro. Il motore elettrico da 250W è molto silenzioso e permette di muoversi in modo discreto senza disturbare gli altri. Inoltre, il sistema di illuminazione integrato con fari anteriori e posteriori e luci di segnalazione laterali garantisce una buona visibilità anche di notte.

In conclusione, posso dire che il monopattino elettrico Aovo Pro è un prodotto molto valido, che offre una buona qualità costruttiva, un'elevata praticità d'uso, un'autonomia soddisfacente e una buona stabilità e sicurezza. Lo consiglio sia a chi cerca un mezzo di trasporto ecologico e pratico per la città.

Compralo su Amazon

martedì 3 gennaio 2023

Recensione Insta360 X3

Recensione Insta360 X3


La Insta360 X3 è una videocamera a 360 gradi di altissima qualità, ideale per catturare tutte le tue avventure e condividerle con amici e familiari. Con una risoluzione massima di 8K e un campo visivo a 360 gradi, questa videocamera ti permette di catturare ogni dettaglio dei tuoi viaggi e delle tue attività all'aria aperta.

Una delle cose più belledella X3 è la sua facilità d'uso. È possibile controllare la videocamera tramite l'app per smartphone, che permette di impostare facilmente le opzioni di ripresa e di visualizzare in anteprima i video. La X3 è anche molto leggera e compatta, quindi è facile portarla con sé ovunque tu vada.


La qualità delle immagini e dei video è eccezionale, con colori vivaci e dettagli nitidi. La X3 è anche molto versatile, con diverse modalità di ripresa tra cui scegliere, come la modalità timelapse e la modalità slow motion. Inoltre, la X3 ha una serie di funzionalità avanzate, come il rilevamento del movimento e il ritaglio intelligente, che ti permettono di ottenere il massimo dalle tue riprese.


Un altro aspetto positivo della X3 è la durata della batteria. La videocamera ha una durata di circa 90 minuti di ripresa continua, il che è molto utile se hai intenzione di usarla per un'intera giornata di avventure. Inoltre, la X3 è resistente all'acqua e agli urti, quindi puoi portarla con te ovunque senza preoccuparti dei danni.

Insta360 X3

L'unico aspetto negativo della X3 è il prezzo, che potrebbe essere un po' alto per alcune persone. Tuttavia, se sei disposto a spendere un po' di più per una videocamera di alta qualità, la X3 è sicuramente una buona scelta.


In sintesi, la Insta360 X3 è una videocamera a 360 gradi di alta qualità con una buona facilità d'uso e immagini e video di alta qualità. Se sei alla ricerca di una action cam di alta qualità, dovresti sicuramente prendere in considerazione la X3.


Comprala su Amazon

lunedì 15 agosto 2022

Attacchi mortali degli Orsi polari alle Svalbard

Attacchi mortali degli Orsi polari alle Svalbard


Dopo l'ultimo attacco ad una turista francese avvenuto l'8 agosto 2022, dove un orso polare ha attaccato un gruppo di 25 persone ferendo ad un braccio una giovane donna per poi essere colpito ed infine abbattuto per le ferite riportate, mi sono deciso a fare una breve lista degli attacchi letali di questi fantomatici orsi bianchi delle Svalbard.

La cosa sorprendente è che il primo attacco mortale registrato risale al 1971, e che in totale fino al 2022 sono avvenuti solo 6 attacchi mortali da parte degli orsi polari.
Il motivo è semplice, gli orsi polari se possono preferiscono mangiare le foche e starsene nelle aree più remote delle isole Svalbard, per cui se l'uomo se ne sta al suo posto o esce con le dovute precauzioni, nessuno si fa male.
Infatti, per poter uscire dal centro abitato di Longyearbyen, è necessario girare armati ed avere con sè un lancia razzi segnalatori per spaventare e far scappare eventuali orsi, inoltre se si vuole dormire in tenda è necessario portarsi dietro un recinto elettrico.

E adesso veniamo al perchè sono necessarie tutte queste precauzioni, ecco gli incidenti mortali successi fino ad oggi agli umani da parte degli orsi polari:

1971

14 novembre 1971, Bjørn Tessem di 27 anni si trovava nell'isola di Bjørnøya per lavoro,
in quanto era un operatore telegrafico di una squadra composta da 14 persone.
Quel giorno andò a fare una passeggiata portando con sè 2 cani, ma non tornò più.
I suoi compagni non vedendolo tornare lo andarono a cercare preoccupati, soprattutto dopo che a tornare alla base furono solo i cani. Lo trovarono morto vicino ad una piccola capanna, dove forse aveva provato a ripararsi, e l'orso polare era ancora lì vicino a lui.
Essendo anche loro usciti disarmati, esattamente come Bjørn, il gruppo dovette tornare alla base a prendere le armi per poter uccidere l'orso e recuperare finalmente il corpo di Bjørn.
In questo tragico incidente i fattori fatali furono 2: il primo è che ai tempi per allontanarsi non era ancora obbligatorio portare con sè un'arma, il secondo è che non essendoci ghiaccio sull'isola e nei dintorni, tutti avevano pensato che non potessero esserci orsi e che al massimo Bjørn potesse essersi fatto male, invece purtroppo l'orso era arrivato a nuoto.


1977

Un turista austriaco facente parte di un gruppo che era accampato nella zona del Magdalenfjord è stato ucciso mentre si trovava nella sua tenda.
Qui l'errore principale è stato che erroneamente si credeva che in quella zona non ci fossero gli orsi polari, per cui anche questa volta nessuno era armato.
Pare infatti che l'orso sia anche riuscito a portare via il corpo e a far perdere le proprie tracce.

1995

30 Marzo 1995, la giovane ragazza di 22 anni, Nina Jeanette Olaussen, stava facendo una passeggiata con una sua amica Hilde, poco lontano dalla città di Longyearbyen, nella zona denominata Platåfjellet.
Le due ragazze erano appena arrivate alle Svalbard per una breve vacanza e per trovare una loro amica, non sapevano ancora molte cose e non erano state avvertite che erano stati avvistati degli orsi polari nella zona.
Le due si erano arrampicate su una montagna sopra la quale si estendeva una grossa vallata coperta di neve, ed è lì che hanno avvistato l'orso.
L'orso polare dopo averle studiate un po' ha deciso di attaccarle, così le due ragazze hanno provato a scappare correndo.
Hilde si è salvata lanciandosi da un dirupo e rompendosi qualche ossa, mentre Nina è stata purtroppo raggiunta dall'orso e quando sono arrivati i soccorsi ormai non c'era più niente da fare.
Successivamente l'orso è stato abbattuto.
Per sensibilizzare i turisti a non uscire da soli disarmati come hanno fatto queste sfortunate ragazze, sul luogo esatto dove è stata uccisa Nina ora c'è una sorta di tomba fatta di sassi.

Agosto 1995, pochi mesi dopo l'incidente di Nina, un orso polare uccide un marinaio norvegese di 58 anni di nome Helmer Kristian e ferisce un altro uomo nella zona di Kiepertøya.
I due facevano parte di un gruppo di 5 persone scese dalla nave per fare un giro, ma nonostante avessero sparato con i razzi segnalatori l'orso non si era spaventato.
Neanche le armi di piccolo calibro che avevano con sè riuscirono ad impedire che l'orso uccidesse Helmer, per cui l'errore è stato uscire senza delle armi adeguate.

2011

Il giovane Horatio Chapple, di soli 17 anni viene ucciso in un campeggio nella zona di Tempelfjorden.
In questo attacco anche altri 4 ragazzi britannici del gruppo di 13 persone sono stati feriti, prima che l'orso venisse abbattuto.
Le indagini questa volta non hanno però mostrato alcuna anomalia, la società che faceva le escursioni era preparata ed aveva fatto tutto secondo le regole, mettendo anche razzi segnalatori vicino al recinto, ma questo purtroppo non è bastato ad evitare la tragedia.

2020

L'ultimo attacco letale di un orso polare alle isole Svalbard risale al 28 agosto 2020, non troppo tempo fa quindi.
La cosa più spaventosa è che questa volta il tutto è avvenuto alle porte della città, nel campeggio dell'aeroporto, che è di fatto una delle possibili sistemazioni per chi vuole visitare le Svalbard.
La vittima si chiamava Johan Jacobus Kootte ed era un olandese di 38 anni che lavorava proprio per il campeggio dove è stato attaccato.
Sembra che l'orso l'abbia sorpreso in tenda, arrivando addirittura a nuoto dalla sponda opposta.
La cosa assurda e triste è che avrebbero dovuto installare il recinto elettrico ma poi per una casualità la cosa è stata rimandata, altrimenti Johan sarebbe ancora vivo.
L'orso è stato poi ferito a morte e ritrovato senza vita nel parcheggio vicino all'aeroporto.

Conclusioni

Questi erano i sei casi di attacchi mortali degli orsi polari alle Isole Svalbard.
Come avrete capito, nella stragrande maggioranza dei casi si sarebbero potuti evitare con un po' più di prudenza, però c'è anche da dire che a causa dei cambiamenti climatici e dello scioglimento dei ghiacci, gli orsi sono sempre di più sulla terra ferma ed è stato notato che sono sempre più spesso vicino a luoghi dove è presente anche l'uomo.
Se ci aggiungiamo che fanno sempre più fatica a cacciare le foche, ecco che dobbiamo metterci in testa che l'incontro con loro sarà sempre più frequente e per questo bisogna essere preparati e prudenti.
Bisogna anche essere preparati solo a spaventarli, perchè negli ultimi anni è stato calcolato che in media ne vengono uccisi 3 all'anno per autodifesa, magari per uscire da situazioni in cui non ci si dovrebbe trovare.

Elenco morti per attacchi di orsi polari alle Isole Svalbard negli ultimi 50 anni:

  1. Bjørn Tessem (27 anni): 14 novembre 1971
  2. Turista austriaco (generalità sconosciute): 1977
  3. Nina Jeanette Olaussen (22 anni): 30 Marzo 1995
  4. Helmer Kristian (58 anni): 31 Agosto 1995
  5. Horatio Chapple (17 anni): 5 Agosto 2011
  6. Johan Jacobus Kootte (38 anni): 28 agosto 2020


Alcune Fonti:
https://www.nrk.no/norge/seks-drept-av-isbjorn-siden-1971-1.15138727
https://www.nrk.no/tromsogfinnmark/_-utenkelig-at-bjorn-kunne-bli-drept-av-isbjorn-1.12032231
https://www.svalbardposten.no/leserinnlegg/isbjornangrepet-pa-plataberget/150381
https://www.svalbardposten.no/jobbet-pa-campingen/201097


Seguimi su:
Youtube: https://www.youtube.com/channel/UCrQ7t-IRZTQdc67Dadipz3Q
Instagram: https://www.instagram.com/oggieunaltropost/
Twitter: https://twitter.com/oggiunaltropost
Facebook: https://it-it.facebook.com/oggieunaltropost/
Telegram: https://t.me/oggieunaltropost


#svalbard #polarbear

Guarda il video 'Attacchi mortali degli Orsi polari alle Svalbard'

:



Guarda il video su youtube: https://youtu.be/aZuqODxwjps

sabato 2 ottobre 2021

Come avere il Green Pass senza il Vaccino

Come ormai tutti sanno, dal 15 ottobre 2021 in tutta Italia, per poter lavorare sarà obbligatorio mostare l'ormai conosciutissimo Green Pass.
Se però per qualche motivo non hai ancora fatto il vaccino per ragioni mediche o motivazionali, e non sei in possesso di un'esenzione medica ufficiale che attesti che non ti puoi vaccinare, c'è ancora una possibilità per te per poter continuare a lavorare senza il Green Pass, ed ora te la illustrerò.



Come avere il Green Pass senza il Vaccino

Come avere il Green Pass senza il Vaccino


Se dal 15 ottobre non vuoi esser lasciato a casa perchè non hai voluto o potuto fare il Green Pass, o perchè magari ti sei convinto troppo tardi ed hai fatto la prima dose di vaccino non considerando che ci vogliono 15 giorni prima che il greenpass sia attivo, ecco l'unica soluzione che hai a disposizione:
fare un tampone che attesti la tua negatività al Coronavirus.

Il Governo ha infatti dato la possibilità a chi non si è ancora vaccinato contro il covid-19, di poter continuare a lavorare e percepire lo stipendio, dimostrando però di non essere infetti dal virus, e questo grazie all'utilizzo di tamponi ogni 48 o 72 ore, a seconda del tipo di test scelto.

Vediamo qualche dettaglio tecnico in più per capire che tampone fare e quanto questo dura:
Il test naso-faringeo può essere sia molecolare che antigienico (detto anche rapido).
La validità del green pass ottenuto col tampone rapido è di 48 ore dal momento dell’esecuzione, mentre quella del tampone molecolare è stata estesa a 72 ore.

Quindi, a seconda del tipo di test che sceglierete di fare, in farmacia o in un centro specializzato, il vostro green pass durerà 48 o 72 ore.
Facendo dunque un paio di calcoli, con il test rapido si potrà andare al lavoro regolarmente facendo 3 tamponi a settimana, mentre facendo il tampone molecolare classico ne basteranno due.

Il costo dei tamponi dovrebbe essere di 15 euro per gli adulti e di 8 euro per i giovani dai 12 ai 18 anni, sperando che nessuno faccia il furbo sul prezzo.
Se poi l'idea di farvi infilare un tampone nel naso 2 volte a settimana non vi aggrada, dovete sapere che solo per il test di tipo molecolare (non rapido) è valida per il green pass anche la sua variante tramite test salivare.

Queste informazioni sono ovviamente valide alla data di pubblicazione del post, ma sarà mia cura scrivere nei commenti eventuali variazioni.
Quello che è certo è che il tutto è valido fino al 31 dicembre 2021, data in cui dovrebbe terminare lo stato d'emergenza... poi si vedrà!

L'invito del governo e degli esperti di sanità è ovviamente quello di vaccinarsi per contribuire all'estinzione del virus.

venerdì 1 gennaio 2021

Nuovo anno, nuova politica

Ciao a tutti, come va?
Scrivo questo post innanzitutto per augurarvi un buon anno, sperando che il 2021 sia meno catastrofico del 2020 a livello globale, anche se per me alla fine come anno non è stato poi così male.
Ho pensato a molto se scrivere o meno questo post, ma alla fine ho deciso di farlo, perchè non farlo sarebbe stato solo rimandare l'inevitabile.

Ebbene, dopo più di cinque anni di "Oggi è un altro post", ho deciso di cambiare la politica di pubblicazione di questo sito / ex. blog.
Per farvi capire il motivo della mia decisione, che poi vi spiegherò meglio nel dettaglio, vi illustrerò brevemente il percorso fatto da me e da questo sito web.

Oggi è un altro post nasce il 26 aprile 2015 con questo post, quasi per caso e per scherzo/gioco.
Nasce come blog personale dove principalmente esprimo i miei pensieri e le mie creazioni, per poi diventare sempre di più un sito internet in cui pubblico un po' di tutto, dalle guide di vario tipo, ai post delle vacanze, alle curiosità, alle barzellette, alle lezioni di psicologia... e molto altro ancora.

Il blog nasce diciamo nella fase in cui i blog erano ormai affermati, poco prima del loro declino, e quindi è mutato quasi naturalmente in qualcos'altro, fino a diventare un sito internet a tutti gli effetti.
Ho sempre scritto con passione per dar sfogo a tutta la mia creatività, ma pian piano ho pensato e sperato di far diventare questo sito internet una vera e propria fonte di guadagno, come fanno anche altri blogger.
Il mio sogno era/è infatti di mollare il lavoro "tradizionale" e di vivere solo di passioni, scrivendo, facendo video, e magari alzandomi tardi la mattina :p

Pur continuando a scrivere per passione, pian piano scrivere un post ogni giorno è diventato sempre più impegnativo e pesante.
Sono passato infatti dai tempi d'oro dei 10 post al giorno e delle programmazioni di pubblicazione con anche 30 giorni d'anticipo, a scrivere un post risicato al giorno e a farlo anche all'ultimo momento.
Ed ecco che dopo averci riflettuto a lungo sopra, dopo aver tirato le somme sui costi/benefici, ho deciso di cambiare la politica del sito.

Da oggi in poi infatti, non farò più un post al giorno ogni giorno, ma posterò solo quando avrò qualcosa da dire.
Dopo più di 5 anni a scrivere post tutti i giorni infatti, dopo aver visto che la crescita di popolarità del sito non è stata direttamente proporzionale al numero dei post, ho deciso di cambiar rotta.
Per un bel po' infatti ho pensato di sparare a raffica sul dove cojo cojo, a volte prendendoci anche con post apparentemente inutili e poco impegnativi che invece mi hanno portato molte visite, a differenza di post complessi e lunghi che non si è filato quasi nessuno.
Quando però ti accorgi che il tuo sito è diventato poco più che un copia e incolla di barzellette, allora forse è venuto il momento di porsi qualche domanda e di prendere qualche decisione.

E poi c'è un altro fatto che mi convinto a prendere questa decisione.
Il mio canale youtube era nato sempre nel 2015 come puro supporto al sito per quanto riguarda i contenuti multimediali (video), ma dal 2017 ho iniziato ad usarlo in maniera più continuativa e con un po' più di impegno, ed alla fine i risultati si sono visti.
Se consideriamo anche il fatto che fare video su youtube, almeno come li faccio io,  è molto meno impegnativo che scrivere e fare tutorial con foto ritagliate, ecco che a fronte di molte più visite e decisamente minor impegno, alla fine scrivere un post al giorno è un effort che risulta troppo elevato, poco remunerativo, ma soprattutto noioso e poco appagante.

Ma non preoccupatevi però, visto che il sito comunque vive di alcuni post azzeccati, e che il mio pubblico, compreso magari anche tu che leggerai questo post, arriva per il 99% da google, continuerò a postare, ma solo quando avrò qualcosa da dire... che sia utile o meno questo lo lascerò stabilire a voi :)

Dopo aver scritto tutti i giorni per 5 anni mi sembrava comunque corretto avvisare chi mi segue che non avrei continuato a farlo in maniera così assidua, quindi eccomi qui a fare questo post e ad augurarvi un buon 2021.
Ci risentiamo prossimamente, anche perchè ho da finire di raccontarvi il mio viaggio in Egitto, ed altre cose che sono rimaste in sospeso per mancanza di tempo e/o voglia.
A presto!

Buon 2021

venerdì 2 ottobre 2020

Che cos'è il Catfishing

L'altro giorno mi sono imbattuto per caso nel termine catfishing, che, ammetto l'ignoranza, non conoscevo, e quindi mi sono subito documentato per scoprirne il significato.
Leggendo un po' in rete, ho scoperto che con il termine catfish in buona sostanza si intende una certa attività che già ben conoscevo bazzicando internet da anni ed anni.
Vediamo subito di scoprire il significato di catfishing.



Che cos'è il Catfishing


Che cosa significa Catfishing? A cosa serve?
Catfishing (tradotto dall'inglese in "pesce gatto") è una tipologia di attività ingannevole operata prevalentemente sui social network che consiste nella la creazione e l'utilizzo di un account con una falsa identità da parte di una persona, allo scopo di raggirare/ingannare altri utenti.
La persona che pratica il catfishing viene definita catfish.

Ora, se dovessi citare la prima parola che conosco per descrivere un catfish, direi fake, ovvero il sinonimo di identità falsa su internet.
C'era davvero bisogno di coniare un nuovo termine?
Forse no, ma se volessimo raggruppare una serie di comportamenti ingannevoli, spesso legati al tema romantico/sessuale, tramite l'utilizzo di identità false, ecco che potremmo usare semplicemente il termine catfishing al posto fake e truffa, o imbroglio online.

Ma come è nato il termine catfishing, da cosa deriva.
C'è chi dice che sia legato ad un documentario di nome Catfish del 2010, ma in realtà molti sostengono che sia un termine legato al mondo della pesca, dove i pescatori ingannano i merluzzi tramite l'utilizzo di pescigatto, che infastidendo gli altri li fanno finire a riva ancora "freschi".

Insomma, come la giri la giri, il catfishing è una delle tante pratiche di truffa / inganno / imbroglio online, questa volta più legato al mondo dei social ed ai fake... per cui attenzione a non abboccare!

giovedì 27 febbraio 2020

Differenza tra epidemia e pandemia

Sul tema coronavirus, una delle parole che si sente più spesso in questi giorni è pandemia.
Per chi non avesse mai sentito questo termine, la parola suonerà strana, per non dire quasi buffa.
Eppure, il suo significato nasconde quanto di più temibile possa esserci a questo mondo.
Scopriamo dunque qual è la differenza tra pandemia ed epidemia.

Differenza tra epidemia e pandemia


Differenza tra epidemia e pandemia


Per arrivare ad una risposta semplice ma completa, partiamo dalla definizione di queste due parole.

Si definisce epidemia il diffondersi di una malattia, solitamente infettiva, che colpisce quasi contemporaneamente una collettività di individui, ovvero una determinata popolazione del mondo, con una ben delimitata diffusione nello spazio e nel tempo.
Questa infezione inoltre, per essere considerata un'epidemia, deve avere anche la stessa origine.

Si definisce invece pandemia, il diffondersi di un'epidemia che si espande rapidamente trasmettendosi in più aree geografiche del mondo.

Quindi, la differenza tra epidemia e pandemia, è che la prima è circostritta ad una popolazione o area geografica precisa, mentre la seconda è diffusa in molte parti del mondo.

Tornando dunque al coronavirus, la parola pandemia non fa altro che sottolineare il fatto che questo virus si sta diffondendo rapidamente ed in tutto il mondo, risultando apparentemente inarrestabile nonostante le massicce precauzioni prese dai vari paesi della terra.

mercoledì 26 febbraio 2020

Coronavirus, qualche informazione utile

L'argomento mondiale del momento riguarda il coronavirus, un virus virale che, partito dalla Cina, piano piano sta contagiando il mondo intero.
Su come sia nato e da dove esattamente sia partito il contagio, si sa poco o niente per il momento, se non il nome della città da cui sembra essere partito il primo focolaio, la città di Wuhan nella provincia di Hubei.

Ma vediamo di dare qualche informazione utile in più sul corona virus, anche noto come COVID-19.

Coronavirus, qualche informazione utile


I sintomi del coronavirus


Il corona virus si presenta inizialmente come una normale influenza, con alcuni o tutti dei seguenti sintomi:
  • Febbre
  • Raffreddore
  • Tosse
  • Difficoltà respiratorie

Modalità di trasmissione del corona virus


Il virus penetra nelle principali vie respiratorie (naso e bocca) attraverso goccioline emesse da individui infetti, tramite colpi di tosse e/o starnuti.
Affinchè avvenga la trasmissione è necessario un contatto ravvicinato, a circa due metri di distanza, idealmente in luoghi chiusi.


Periodo d'incubazione


Il periodo medio d'incubazione del coronavirus è di circa 5 - 6 giorni.
La durata d'incubazione però può variare da 2 a 14 giorni, inoltre, alcuni ricercatori cinesi mettono in guardia sul fatto che questo virus possa rimanere latente senza sintomi anche per 27 giorni.


Tasso di mortalità


Il corona virus sembra essere il virus degli anziani, non tanto perchè colpisce principalmente gli anziani, visto che è un virus assolutamente imparziale, ma perchè il tasso di mortalità è tanto più elevato tanto più una persona è anziana.
Questa mortalità in realtà non è legata all'età della persona infetta, ma al suo stato di salute. Tanto più una persona ha una situazione già precaria di suo, tanto più questa rischia di avere complicazioni letali dovute al coronavirus.
Parlando quindi di percentuali, abbiamo com tasso di mortalità:
  • 14.8% per chi ha più di 80 anni
  • 8% per chi ha da 70 a 79 anni
  • 3.6% per chi ha da 60 a 69 anni
  • 1.3% per chi ha da 50 a 59 anni
  • 0.4% per chi ha da 40 a 49 anni
  • 0.2% per chi ha da 30 a 39 anni
  • 0.2% per chi ha da 20 a 29 anni
  • 0.2% per chi ha da 10 a 19 anni
  • 0% per chi ha da 0 a 9 anni 


Precauzioni per non prendere il coronavirus


Per limitare il rischio di contagio da corona virus, si consiglia di seguire queste basilari regole:
  • Lavarsi spesso e bene le mani
  • Evitare il contatto ravvicinato con persone che soffrono di infezioni respiratorie acute
  • Evitare luoghi affollati e stretti
  • Non toccarsi occhi, naso e bocca con le mani sporche
  • Coprire bocca e naso se si starnutisce o si tossisce
  • Pulire le superfici con disinfettanti a base di cloro o alcol
  • Usare la mascherina solo se si sospetta di essere malati
Sull'ultimo punto, quello della mascherina, visto che il periodo d'incubazione è di anche due settimane, e che il coronavirus è simile ad una normale influenza, non è poi un cattivo consiglio quello di portare la mascherina anche se si pensa di non essere infetti.

Infine, contatta il numero verde 1500 se hai febbre o tosse e sei tornato dalla Cina da meno di 14 giorni.

lunedì 3 febbraio 2020

10 regole per visitare la Corea del Nord

La Corea del Nord è uno degli stati più chiusi al mondo, con il suo regime capitanato dal famoso leader Kim Jong-un, questa nazione è spesso nominata nei vari quotidiani di tutto il mondo per via delle tensioni con i suoi vicini sudcoreani e con i lontani Stati Uniti d'America.

Se però la minaccia di un possibile conflitto nucleare o il fatto di finire in uno stato con un regime totalitario non vi spaventano, ed anzi suscitano la vostra curiosità da turisti senza frontiere, ecco cosa dovete comunque sapere prima di intraprendere un viaggio in Corea del Nord.

10 regole per visitare la Corea del Nord


10 regole per visitare la Corea del Nord


Se state pensando di girare in lungo ed in largo in Corea del Nord per scoprire tutte le sue più remote aree e conoscere usi e costumi dei locali, forse rimarrete un po' delusi in quanto questa nazione ha un turismo soggetto a severe regole e divieti che è bene conoscere e non infrangere.
Qui di seguito le dieci regole da rispettare assolutamente durante un viaggio in Nord Corea.

Numero 1: Non chiamarla Corea del Nord

Il primo importantissimo errore da non commettere è quello di non chiamarla Corea del Nord, ma "Repubblica Popolare Democratica di Corea".
Il motivo è abbastanza ovvio, quindi meglio non sbagliare.

Numero 2: Non viaggiare da soli

In Corea del Nord si entra solo con tour organizzati ufficiali e controllati.
Si hanno solo due possibilità, una più economica tramite gruppi organizzati, oppure con un tour privato scortati da due guide.
Il compito delle guide è quello di controllarvi per evitare che infrangiate qualche divieto.
Scordatevi dunque di viaggiare da soli all'avventura.

Numero 3: Non fotografare o filmare monumenti a metà

Potete fare tutte le foto che volete ai gloriosi monumenti sparsi qua e là per Pyongyang, ma se si tratta di monumenti di leader, sappiate che è vietato fotografarli non nella loro interezza.
Infrangere questo divieto potrebbe essere considerato un affronto.

Numero 4: Non piegare quotidiani o riviste in cui c'è il volto del leader

Sempre a proposito di divieti riguardanti i leader presenti e passati della Corea, se vi capita di avere tra le mani un giornale con la foto di Kim Jong-un, state bene attenti a non piegare l'immagine raffigurante il suo volto.

Numero 5: Non fotografare cose in costruzione

Un divieto un po' singolare è quello che vieta di fotografare o filmare edifici in costruzione o cantieri di qualsiasi tipo.
Oltre ovviamente al più classico divieto di non fotografare militari e checkpoint, per chissà quale motivo in Corea del Nord è vietato anche fare foto ai cantieri.

Numero 6: Obbligatorio inchinarsi in certi luoghi

In certi luoghi della Corea del Nord, se capita di recarvisi, è obbligatorio l'inchino.
Al Kumsusan Palace of the Sun ad esempio è obbligatorio inchinarsi, ed immagino che sia meglio non rifiutarsi di farlo.
Ovviamente, in tutta la Corea del Nord è richiesto un dress code adeguato, evitando abiti strappati o troppo provocanti, ed evitando anche di indossare indumenti con slogan politici o con stemmi dell'America.

Numero 7: Obbligatorio vedere certi luoghi

Come spiegato poco fa, in Nord Corea non si viaggia da soli, ma si possono fare solo tour organizzati.
Questi tour comprenderanno sempre delle mete scelte dal regime, e certe tappe saranno di fatto obbligatorie.

Numero 8: Non introdurre materiale scomodo in Corea

Con materiale scomodo si intendono ad esempio pubblicazioni religiose, mappe della Corea, guide turistiche coreane, materiale propagandistico contro il regime, pornografia.
La regola vale anche al contrario, se provate a far uscire dal paese qualche scritto sensibile, come un poster di propaganda, potreste incorrere in guai seri.
Ricorderete certamente il triste destino che ha segnato la vita di un giovane turista americano pochi anni fa, vero?

Numero 9: non fare domande scomode

Occorre evitare, se vi capita di parlare con la gente del posto, di parlare di religione, di politica, o di cercare pareri negativi sul loro leader.
Bisogna ricordare che le guide fanno anche da guardia, sia per la vostra sicurezza, ma anche e soprattutto per la sicurezza del paese.

Numero 10: vietato usare internet

Più che un divieto questo è proprio un limite, dato che internet è assente in tutto il paese, se non per pochi eletti.
Una volta entrati in Corea del Nord si è soli ed isolati dal mondo, dato che le chiamate fuori dal paese costano un occhio della testa.


Bene, è tutto.
Se seguirete queste semplici ma ferree regole, più quelle che vi verranno comunicate prima del vostro ingresso dall'agenzia turistica che si occuperà del viaggio, tornerete a casa sani e salvi.
In caso contrario, potrebbero sgridarvi, cancellarvi qualche foto dal telefono, espellervi dal paese, o nel peggiore dei casi incarcerarvi a tempo indeterminato.

lunedì 9 settembre 2019

Bussola (App Android)

Vi è mai capitato di perdervi nei boschi o in mare?
Spero di no, ma nel caso siate appassionati di gite in solitaria e non, è bene partire attrezzati.
Se una volta occorreva munirsi di tutta una serie di strumenti specifici, ora la tecnologia ci consente di avere sempre con noi quello che ci serve, tutto all'interno del nostro cellulare!

Una delle cose che infatti serve all'esploratore fin dagli albori, è la bussola, uno strumento di precisione che ci consente di sapere dov'è il nord, l'est, il sud e l'ovest, ovvero di conoscere i punti cardinali nel dettaglio.

E' dunque con piacere che vi presento la bussola per android, una mia nuova app gratuita e funzionale, che potrete aggiungere alle vostre utility di fiducia.


La bussola per Android


Per poter utilizzare la bussola android, basta scaricarla dal play store, da questo indirizzo:

https://play.google.com/store/apps/details?id=com.oggieunaltropost.bussola_precisa

Il funzionamento di questo programma è molto semplice, vi basterà infatti aprire l'app perchè la bussola parta in automatico.

Potrete quindi sia leggere la direzione guardando la freccia rossa, oppure più banalmente leggere il risultato a video in formato testuale, dove ad esempio potrete trovare una scritta del genere 200° Sud.

La bussola per Android

Tutto molto semplice ed intuitivo, no?
Nella sezione menù infine, trovate altre opzioni ed indicazioni utili.

Attenzione però, la bussola è tanto più precisa quanto è più preciso il sensore interno al vostro telefono (all'apertura dell'app dovrete dare l'ok se questa vi chiede qualche consenso, sono tutti utili e necessari al suo funzionamento).
Se fosse necessario infatti, dovrete calibrare la bussola del telefono, idealmente facendo il classico movimento dell'otto / infinito tenendo il telefono in mano.

Grazie a questo programma dunque, nel caso vi troviate in difficoltà a trovare la strada e sappiate la giusta direzione da prendere sulla carta, vi basterà usare la vostra bussola per android e seguire la direzione giusta, il tutto anche senza avere una connessione ad internet dato che la bussola per cellulare che avete appena scaricato funziona anche offline.


Policy privacy


La gdpr mi impone di avvisare gli utilizzatori di quest'app, che questa contiene della pubblicità mirata.
L'applicazione, utilizzando cookie di navigazione del dispositivo, tramite google adsense / admob, fornisce a video dei banner pubblicitari che potrebbero rispecchiare gli interessi di chi utilizza il dispositivo su cui è installata quest'app.
Questi dati personali non vengono in alcun modo utilizzati dalla mia applicazione, che tra l'altro non ne ha accesso, ma vengono invece utilizzati dai principali circuiti pubblicitari per poter fornire un servizio migliore e più personalizzato.
Accettando di utilizzare quest'app si accetta dunque di ricevere pubblicità mirata occasionale, sempre e solo durante l'utilizzo dell'app stessa.
Maggiori info sui cookie di google a questo indirizzo.

domenica 16 giugno 2019

Indovina la parola (Gioco Android)

Visto che l'estate è arrivata, che ne dite di un nuovo gioco per Android per passare il tempo quando siete al mare sotto l'ombrellone?
Le parole crociate vanno a ruba si sa, ma perchè pagare quando si può avere un gioco gratuito da usare anche offline senza bisogno di internet?

Ebbene, se siete capitati su questo articolo alla ricerca di nuovi passatempi per cellulare, è con immenso piacere che vi presento il mio nuovo gioco per android, il cui titolo è semplicemente "Indovina la parola".

Pronti a scoprire come funziona questo nuovo e bellissimo passatempo per smartphone?


Indovina la parola (Gioco Android)


Per poter iniziare subito a giocare ad indovina la parola, il quiz con le parole per cellulari android, basta cercare quest'app nel play store, oppure scaricarla dal seguente indirizzo:

https://play.google.com/store/apps/details?id=com.oggieunaltropost.indovina_la_parola

Dopo aver installato "indovina la parola" non vi resterà altro che lanciarlo e cliccare subito sul bottone Nuova partita.
Se questa è la vostra prima partita al gioco, inizierete subito dal primo livello, altrimenti vi verrà chiesto di scegliere il livello che volete giocare (o rigiocare).

Appena iniziato il livello, dovete subito affrettarvi ad indovinare la parola che ci cela dietro ogni frase suggerimento.
Potrete sia dare a voce la risposta, sia scrivere con la tastiera del cellulare, cliccando sui rispettivi pulsanti.

Indovina la parola (Gioco Android)

Se la risposta risulterà corretta, potrete proseguire con la parola successiva, altrimenti avrete perso una vita.
Se finite il tempo a vostra disposizione, o peggio ancora le vite, vi apparirà l'antipatica schermata di game over.

Ogni livello finito verrà salvato in classifica, con la possibilità di essere rigiocato in qualsiasi momento.
Inoltre, se dovete smettere di giocare a metà partita, nessun problema perchè il gioco salva i progressi fatti, ed alla sua riapertura avrete a vostra disposizione un bel tasto Continua.

Finiti tutti i livelli avrete vinto e terminato il gioco, almeno fino a quando non usciranno dei nuovi aggiornamenti dell'app con nuovi entusiasmanti livelli da superare.

Attenzione però, perchè più si va avanti con i livelli e più il gioco si fa duro!
In bocca al lupo e buona fortuna con "indovina la parola", il nuovo gioco in stile parole crociate per android.



Policy privacy


La gdpr mi impone di avvisare gli utilizzatori di quest'app, che questa contiene della pubblicità mirata.
L'applicazione, utilizzando cookie di navigazione del dispositivo, tramite google adsense / admob, fornisce a video dei banner pubblicitari che potrebbero rispecchiare gli interessi di chi utilizza il dispositivo su cui è installata quest'app.
Questi dati personali non vengono in alcun modo utilizzati dalla mia applicazione, che tra l'altro non ne ha accesso, ma vengono invece utilizzati dai principali circuiti pubblicitari per poter fornire un servizio migliore e più personalizzato.
Accettando di utilizzare quest'app si accetta dunque di ricevere pubblicità mirata occasionale, sempre e solo durante l'utilizzo dell'app stessa.
Maggiori info sui cookie di google a questo indirizzo.

lunedì 20 maggio 2019

Antifurto telefono (App Android)

Hai degli amici ficcanaso che non aspettano altro che prendere in mano il tuo cellulare lasciato ingenuamente incustodito? Se si, sei capitato nel posto giusto :)
Sono infatti felice di presentarti la mia ultima app per android, ovviamente gratuita e facile da utilizzare.
Trattasi infatti di un app/gioco per fare scherzi ai propri amici tramite il cellulare, grazie ad un allarme per il telefono che scatterà nelle mani dei tuoi amici più impiccioni.

Se vuoi sapere di cosa si tratta, continua a leggere.


Antifurto telefono (App Android)


Usare questo nuovo gioco per android è molto semplice.
Basta scaricare ed installare la mia app chiamata per l'appunto "antifurto telefono", dal play store di google android, oppure cliccando su questo link:

https://play.google.com/store/apps/details?id=com.oggieunaltropost.antifurto_telefono

Una volta installata l'app, basterà lanciarla per iniziare subito il gioco.
Dovrai infatti seguire questi semplici passaggi:
  1. Aprire l'app antifurto telefono
  2. Appoggiare il cellulare in un luogo che lascerai apparentemente incustodito
  3. Cliccare su Avvia
  4. Aspettare che il pollo di turno prenda in mano il tuo cellulare

Antifurto telefono (App Android)

Se avrai seguito alla lettera queste istruzioni, il telefono suonerà non appena il malcapitato inizierà a maneggiare il tuo cellulare, facendolo spaventare e dandoti la possibilità di sgridarlo o di ridere davanti a tutti i tuoi complici di questo scherzo.
Tutto molto semplice, no?
Bene, non ti resta altro che sorprendere i tuoi amici con questa nuova e simpatica burla.


Dislaimer

Allo stato attuale, quest'app non è un vero e proprio programma per bloccare e rendere sicuro il proprio cellulare, quindi non lo lasciare incustodito, ma spiare di nascosto il malcapitato senza però fare in modo che questo possa rubarvi il telefono senza che ve ne accorgiate!



Policy privacy


La gdpr mi impone di avvisare gli utilizzatori di quest'app, che questa contiene della pubblicità mirata.
L'applicazione, utilizzando cookie di navigazione del dispositivo, tramite google adsense / admob, fornisce a video dei banner pubblicitari che potrebbero rispecchiare gli interessi di chi utilizza il dispositivo su cui è installata quest'app.
Questi dati personali non vengono in alcun modo utilizzati dalla mia applicazione, che tra l'altro non ne ha accesso, ma vengono invece utilizzati dai principali circuiti pubblicitari per poter fornire un servizio migliore e più personalizzato.
Accettando di utilizzare quest'app si accetta dunque di ricevere pubblicità mirata occasionale, sempre e solo durante l'utilizzo dell'app stessa.
Maggiori info sui cookie di google a questo indirizzo.

venerdì 4 gennaio 2019

Vetro Rotto (App Android) Prank

Sempre per rimanere in tema di app android divertenti, eccomi qui a presentarvi una nuova applicazione gratuita scaricabile dal play store, un'app della categoria prank, per usare un termine inglese ormai entrato nel dizionario comune italiano.
Quante volte vi è capitato di rompere lo schermo del cellulare e di dannarvi? Spero per voi mai, ma sono sicuro che ci siete andati vicini almeno una volta.

Ecco dunque che arriva un'app che simula il vetro rotto dello schermo del telefonino, per far spaventare amici / parenti / compagni di scuola o colleghi.
Questo a patto che il telefono su cui gira quest'app (di nascosto) sia il loro, ma non solo, se infatti arriverete a leggere fino a fine post, vi spiegherò come utilizzare al meglio quest'app per fare prank agli amici anche con il vostro cellulare.


Vetro Rotto (app android prank)


Per poter utilizzare quest'app android gratuita basta collegarsi al play store dal proprio cellulare e cercare "vetro rotto (scherzo)", oppure più semplicemente cliccare qui:

https://play.google.com/store/apps/details?id=com.oggieunaltropost.vetro_rotto

Una volta installata questa leggera app sul vostro cellulare, vi basterà lanciarla per iniziare subito a farvi 4 risate.

Vetro Rotto (app android prank)

Al momento ci sono due modalità di gioco, se così vogliamo chiamarlo.
Cliccando infatti sul bottone Rompi, andrete a simulare con un click la rottura del dispay del cellulare, con tanto di effetto sonoro del crash.

Se invece intendete burlare i vostri amici, vi basterà cliccare sul bottone Programma e selezionare il tempo entro il quale il vostro display esploderà.
Fatto ciò, vi basterà appoggiare il cellulare sul tavolo ed allontanarvi dicendo a qualcuno di tenerlo d'occhio.
Quando il telefono simulerà la rottura dello schermo, il malcapitato di turno si spaventerà in un primo momento, ma poi quando tornerete al vostro posto potrete anche prenderlo in giro fingendovi arrabbiati.

Con questa strategia quindi, non serve avere installato l'app sul telefonino della vittima (cosa non semplice da attuare in effetti), ma basta anche usare l'ingegno per prendervi gioco dei vostri conoscenti.
Certo, se poi riuscite ad installare ed a lanciare di nascosto quest'app sul telefono di un vostro amico, allora il suo spavento sarà 1000 volte superiore quando vedrà il suo dispay infranto da solo.
Ovviamente, non serve che ve lo dico, installare un'app sul telefono di qualcuno senza il suo permesso non è il massimo, si va ai limiti della legalità, quindi fatelo solo ad amici stretti o parenti, e poi ovviamente spiegategli che è solo una burla.

Bene, è tutto.
Spero che questo prank vi donerà momenti di ilarità, che male non fanno :-)



Policy privacy


La gdpr mi impone di avvisare gli utilizzatori di quest'app, che questa contiene della pubblicità mirata.
L'applicazione, utilizzando cookie di navigazione del dispositivo, tramite google adsense / admob, fornisce a video dei banner pubblicitari che potrebbero rispecchiare gli interessi di chi utilizza il dispositivo su cui è installata quest'app.
Questi dati personali non vengono in alcun modo utilizzati dalla mia applicazione, che tra l'altro non ne ha accesso, ma vengono invece utilizzati dai principali circuiti pubblicitari per poter fornire un servizio migliore e più personalizzato.
Accettando di utilizzare quest'app si accetta dunque di ricevere pubblicità mirata occasionale, sempre e solo durante l'utilizzo dell'app stessa.
Maggiori info sui cookie di google a questo indirizzo.

lunedì 24 dicembre 2018

10 Alternative a Mailinator

Se utilizzi mailinator per registrarti a vari siti senza dover per forza mettere una mail vera e quindi essere sommerso dallo spam, avrai forse notato che con il tempo sono sempre di più i siti che si sono fatti furbi e che ora bloccano il dominio mailinator.com.

Niente paura comunque, dato che mailinator è si il più famoso servizio di casella email anonima e senza registrazione, ma non è più l'unico.
In questo post ti illustrerò ben 10 alternative a mailinator, dieci siti dal funzionamento simile, che ti consentono di registrarti a siti, forum, social, servizi vari, senza bisogno di avere una tua email personale.

10 Alternative a Mailinator


1. 10 Minute Mail

10 minuti email è tanto semplice quanto utile.
Si tratta di una semplice pagina web con indirizzo email generato dinamicamente che dura dieci minuti.
Il limite di tempo della tua nuova casella email temporanea è eventualmente prorogabile e può consentirti di registrarti tranquillamente a qualsiasi sito, a patto che non ti serva in un secondo momento l'email usata per la registrazione. Va bene per le prove insomma.


2. Fake Mail Generator

Fake Mail Generator è un altro servizio di posta elettronica 'usa e getta'.
Fake Mail Generator ha dieci domini tra cui scegliere e il sito funziona abbastanza bene, questo vuol dire che fakemail rende molto più difficile la vita a chi vuole bloccare l'utilizzo di questi servizi tramite dominio email.


3. Guerrilla Mail

Guerrilla Mail è un sito storico, famoso almeno quanto mailinator.
Questo sito genera un indirizzo email che dura finché si mantiene aperta la sessione.
Qualsiasi email ricevuta verrà automaticamente cancellata dopo un'ora, e questo garantisce un buon livello di privacy / sicurezza per chi vuole utilizzare questo servizio.
Inoltre, per ridurre le possibilità di blacklist, ci sono più di dieci domini tra cui scegliere.


4. Getairmail

Getairmail è un altro servizio super semplice per ottenere un indirizzo e-mail usa e getta.
Basta fare clic sul pulsante al centro per generare un indirizzo email temporaneo.
Poi basta mantenere aperta la sessione e monitorare la tua casella di posta, per poi chiuderla quando hai finito.
Getairmail ha più domini ma ti assegna lui un indirizzo e un dominio, non puoi selezionare il dominio che vuoi.


5. MintEmail

MintEmail è un altro generatore di indirizzi molto semplice da utilizzare.
L'indirizzo corrente è mostrato nella parte in alto a destra dello schermo, con l'opzione di personalizzarlo sotto.
Quando ricevi un'email, questa viene visualizzata nella casella di posta centrale.
Per avere la tua casella di posta anonima random con questo servizio, ti basta aprire l'home page del sito!


6. Dispostable

Dispostable ha una semplice interfaccia utente con un intuitivo schermo bianco ed una piccola scatola con un generatore di indirizzi e-mail casuali al suo interno.
Se vuoi puoi creare il tuo nome e questo avrà il dominio di dispostable.com, oppure utilizza il loro comando di autogenerazione per ottenere un indirizzo completamente casuale.


7. TempMail

TempMail è un provider di indirizzi molto semplice da utilizzare, che possiede sui dieci domini diversi tra cui poter scegliere.
Basta scrivere l'indirizzo desiderato in alto nella pagina ed il gioco è fatto.
Oltre al consueto servizio di email senza registrazione gratuita, questo sito offre anche un servizio di VPN ed un comodo plug-in Chrome per gli utenti regolari.


8. Maildrop

Maildrop è un'altra ottima alternativa a Mailinator, anche se alcuni provider hanno già aggiunto alla lista nera il dominio maildrop.cc, comunque in generale questo sito funziona nella maggior parte dei casi.
Basta inserire nel box in alto a destra il nome della casella desiderata e cliccare sul tasto GO, per accedere immediatamente alla tua nuova casella email senza registrazione.


9. YOPmail

YOPmail nonostante abbia un aspetto grafico un po' discutibile, funziona perfettamente.
Con poche semplici azioni potrai accedere rapidamente alla tua mail casuale, e registrarti a tutti i siti che vorrai.
Il sito ha anche un plugin ed un widget per gli utenti abituali, così come un simpatico servizio di chat con cui tu e gli altri utenti YOP potrete dialogare.


10. MyTrashMail

MyTrashMail è l'ultimo sito di email random anonima che ti propongo (ma ce ne sarebbero ancora altri).
Subito in home page trovi la voce Temporary Email, per cui direi che anche questo sito è semplice e non necessita di ulteriori spiegazioni.


Bene, è tutto.
Spero che questa lista sia sufficiente a soddisfare la tua sete di caselle email.
Ovviamente ti invito a non fare cattivo uso di questi servizi, ma di utilizzarli solo nel caso tu voglia provare qualche sito, o scaricare qualche software, senza il pericolo di venir sommerso da spam inutile.
Caselle email temporanee is the way :)

martedì 27 novembre 2018

Save your internet, considerazioni sull'articolo 13 #saveyourinternet

Se ultimamente hai visto online la scritta "Save Your Internet" o direttamente l'hashtag #saveyourinternet, e ti stai chiedendo che cosa significa, sei capitato nel post giusto (cit.).

Brevemente:
l'unione europea sta varando una nuova legge, decreto, o quello che è, per cercare di proteggere il diritto d'autore, tramite il famigerato articolo 13, che di fatto renderebbe i proprietari delle varie piattaforme, responsabili dei contenuti caricati dai loro utenti.
Se da una parte questa è una cosa positiva per gli utenti poco disciplinati, dall'altra potrebbe essere un problema per piattaforme come youtube, che vista l'enorme mole dei video caricati giornalmente, non riuscirebbe a controllare tutto il materiale ricevuto in maniera efficace, neanche con un algoritmo robot.

Da un po' di tempo quindi, si vedono online diversi slogan contro questo famigerato articolo 13, e youtube stessa chiede il supporto dei suoi maggior creator per cercare di ottenere delle modifiche all'articolo in modo tale che sia più efficace e più gestibile... Salva il tuo Internet insomma.

Save your internet, considerazioni sull'articolo 13 #saveyourinternet

Daccordissimo, ci sta, dato che si sa che queste leggi vengono spesso scritte da chi non è poi molto ferrato in materia informatica.
Tuttavia mi permetto di andare un attimo controcorrente e porre l'attenzione su due casi specifici: Cb01 e la ricerca della frase "film completo italiano".

Cb01 è un famoso portale pirata di streaming dove chiunque può vedere senza pagare film e serie tv che sarebbero protette dal copyright.
Adesso, è vero che la legge italiana o europea è lenta e che ci mettono più loro ad avere il permesso di oscurare un sito, che i piratoni a rimettere online il tutto su un altro dominio, però è anche vero che poi questo sito schizza in prima pagina nelle ricerche di google nel giro di pochissimo.
Ora, capisco che non si può chiedere a google di essere responsabile e di oscurare ogni illegalità linkata al suo interno, però è anche vero che se tutti sanno che certi siti web hanno contenuti illegali, non ci dovrebbe volere niente a continuare ad oscurarli o a penalizzarli nelle ricerche.
invece ciò sembra non accadere, come mai?
Chi gestisce questi siti di streaming guadagna una fortuna con i banner pubblicitari e può farlo perchè arrivano milioni di utenti direttamente dal motore di ricerca più usato al mondo.

Tornando invece su youtube, se si prova a cercare la frase "film completo", viene fuori il mondo.
è vero che alcuni risultati vengono periodicamente rimossi, ma se si guarda bene ci sono anche film completi con data di caricamento decisamente vecchia.
Ora, se da una parte fare un algoritmo perfetto che blocca i contenuti pirata è difficile se non impossibile, dall'altra parte, farsi mandare un alert quando qualcuno inserisce le solite parole chiave, non è sicuramente fantascienza.
Ed anche noi utenti, se davvero si vuole che questa legge venga modificata, dobbiamo dimostrare a chi di internet non ne capisce niente, che anche noi facciamo la nostra parte per tenere il web pulito, segnalando i contenuti che palesemente violano il diritto d'autore.

Poi si, è verissimo, l'articolo così come è scritto non va bene, ed infatti anche io dò il mio contributo mettendo il link alla petizione:

https://www.change.org/p/saveinternet-internet-e-in-pericolo-e-tu-puoi-salvarlo-europarl-en

Bella raga, cit., se il post vi è piaciuto lasciate un commento per dire la vostra sull'argomento.
Save Your Internet, Save your copyright.

And già che ci siamo, per i più pigri, ecco tutto quanto scritto qui sopra in formato video youtube:
https://youtu.be/qji0Jlfrj2o

lunedì 19 novembre 2018

Criminologia (App Android)

Che la psicologia sia la mia passione non è certo un segreto, visto che c'è anche un'intera sezione del mio sito a riguardo.
Dopo un po' di tempo che però non me ne occupo, ho deciso di provare a replicare quanto fatto sul web, anche per i cellulari, in una comoda app per android.

Il programma che sto per presentare riguarda un argomento molto interessante, la criminologia, una branca della psicologia specializzata nella mente criminale, se così si può dire.


Criminologia (App Android)


Per poter scaricare ed installare gratuitamente l'app criminologia per android, basta collegarsi al play store e cercare la parola chiave criminologia, oppure cliccare semplicemente su questo link:

https://play.google.com/store/apps/details?id=com.oggieunaltropost.psy_criminologia

Una volta lanciata l'applicazione, il suo funzionamento è davvero molto semplice, dato che basterà cliccare sull'elenco delle lezioni alla voce desiderata, per entrare subito nella pagina che si vuole leggere.

Criminologia App Android

Questa app infatti serve per ripassare la materia criminologia, magari per prepararsi a qualche esame universitario, o anche solo per passione.

Bando alle ciancia dunque.
Buona lettura con la criminologia per tutti, grazie a questa app gratis per android.



Policy privacy


La gdpr mi impone di avvisare gli utilizzatori di quest'app, che questa contiene della pubblicità mirata.
L'applicazione, utilizzando cookie di navigazione del dispositivo, tramite google adsense / admob, fornisce a video dei banner pubblicitari che potrebbero rispecchiare gli interessi di chi utilizza il dispositivo su cui è installata quest'app.
Questi dati personali non vengono in alcun modo utilizzati dalla mia applicazione, che tra l'altro non ne ha accesso, ma vengono invece utilizzati dai principali circuiti pubblicitari per poter fornire un servizio migliore e più personalizzato.
Accettando di utilizzare quest'app si accetta dunque di ricevere pubblicità mirata occasionale, sempre e solo durante l'utilizzo dell'app stessa.
Maggiori info sui cookie di google a questo indirizzo.

lunedì 12 novembre 2018

Gran Canaria (Guida turistica) App Android

Se siete degli appassionati delle Isole Canarie o semplicemente dei turisti curiosi, sicuramente l'app per android che vi sto per presentare non potrà che farvi piacere.
Trattasi infatti di un'applicazione per android che fa da guida turistica per le Canarie, e più precisamente dell'isola di Gran Canaria.

Su quest'isola ho detto molto in passato (per approfondire basta leggere il post del 2015 ed post il 2016), ma ora è venuto il momento di produrre un qualcosa di concreto che possa servire al turista medio, una guida funzionante anche offline da portare sempre con sé.

Gran Canaria (Guida turistica) App Android


Gran Canaria (Guida turistica) App Android


Per poter scaricare ed installare la mia ultima app per android, basta recarsi nel play store, o cliccare semplicemente nel link qui sotto riportato:

https://play.google.com/store/apps/details?id=com.oggieunaltropost.guida_gran_canaria

Una volta fatta partire l'app, non basterà altro che seguire i link in essa contenuta, per poter spostarsi da una sezione all'altra della guida.

Le principali sezioni ad oggi disponibili in questa guida di Gran Canaria sono:
  • Cosa vedere
  • Cosa mangiare
  • Dove alloggiare
  • Spiagge
  • Come spostarsi
  • Foto
  • Video

Quasi tutti i contenuti di questa applicazione sono disponibili anche offline, fatta eccezione delle sezioni dedicate alle foto ed ai video di Gran Canaria, che riportano a dei contenuti che ho pubblicato online (youtube e google foto).

Sezione foto

Come si dice in questi casi... enjoy (cit.)



Policy privacy


La gdpr mi impone di avvisare gli utilizzatori di quest'app, che questa contiene della pubblicità mirata.
L'applicazione, utilizzando cookie di navigazione del dispositivo, tramite google adsense / admob, fornisce a video dei banner pubblicitari che potrebbero rispecchiare gli interessi di chi utilizza il dispositivo su cui è installata quest'app.
Questi dati personali non vengono in alcun modo utilizzati dalla mia applicazione, che tra l'altro non ne ha accesso, ma vengono invece utilizzati dai principali circuiti pubblicitari per poter fornire un servizio migliore e più personalizzato.
Accettando di utilizzare quest'app si accetta dunque di ricevere pubblicità mirata occasionale, sempre e solo durante l'utilizzo dell'app stessa.
Maggiori info sui cookie di google a questo indirizzo.