Visualizzazione post con etichetta windows-10+guide. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta windows-10+guide. Mostra tutti i post

giovedì 7 marzo 2019

Ottenere i nomi dei file di una cartella (Windows)

Era da un po' di tempo che non facevo una guida per il computer, quindi eccomi qui oggi a farne una per windows 10.
Questo tutorial in realtà funziona anche sui windows meno recenti, dato che andremo ad operare con il potentissimo prompt dei comandi.

Nello specifico, l'esigenza è quella di poter esportare i nomi dei file contenuti in una cartella, in modo tale da averli tutti scritti in un file di testo (un txt per intenderci).
Tutto ciò può tornare utile in diverse occasioni, a me ad esempio è servito per avere l'elenco delle foto contenute in una determinata cartella di windows, e poi grazie a questo elenco scritto di nomi di file, ho potuto ricercarli e copiarli tutti in un'altra directory.
Avevo infatti un album di foto da rifare in alta definizione, quindi sapendo il nome dei file e dove prendere la loro versione HD, ho potuto agire velocemente grazie al tutorial che sto per andare ad illustrarvi.


Come ottenere i nomi dei file presenti in una cartella su Windows 10


Per poter ricavare l'elenco dei file e cartelle presenti in una determinata directory, e salvare questa lista in un semplice file di testo txt, bisogna agire nel seguente modo:

  1. Aprire il prompt di windows
  2. Entrare dentro la cartella dove sono contenuti i file da estrarre (con il comando cd nomecartella)
  3. Lanciare il comando: dir > lista.txt

Tutto qui.

Ottenere i nomi dei file di una cartella (Windows)

Con questa semplice sintassi infatti, avremo creato un file di testo chiamato lista.txt, contenente tutti i file (e le eventuali cartelle) presenti nella directory in cui abbiamo lanciato il comando dos dir.

Adesso con questo file di testo contenente l'elenco dei file della nostra cartella, potremo farci un po' quel che ci pare, anche elaborarlo per avere una lista più pulita ed operativa per altre batch dos automatiche.

Se per caso questa procedura non fosse abbastanza chiara, ecco qui il link al video tutorial su youtube su come esportare l'elenco dei file presenti in una cartella windows (10 e non):
https://youtu.be/RrWpYKtZ9Fo

giovedì 12 aprile 2018

Come connettere una cartella di rete su Windows 10

Se utilizzi windows 10 (ma anche una versione inferiore) ed il tuo computer è connesso ad una rete di altri computer, che sia al lavoro o anche a casa, forse ti interesserà sapere come mappare una cartella di rete.
Con mappare intendo proprio collegare una directory (e rispettive sottocartelle) al tuo pc in locale, in modo tale da poter accedere a risorse remote presenti su altri computer.
Vediamo subito come fare.


Come connettere una cartella di rete su Windows 10


La procedura per mappare cartelle di rete è rimasta sostanzialmente invariata nelle varie versioni di windows, e consiste in questi semplici passaggi:
  1. Apri esplora risorse (o esplora file), che puoi anche trovare con la ricerca di windows
  2. Clicca con il tasto destro del mouse sulla voce Questo pc
  3. Seleziona la voce "Connetti unità di rete"
    Come connettere una cartella di rete su Windows 10
  4. Inserisci il percorso completo della risorsa di rete da mappare, utilizzando la seguente sintassi:
    \\nome-server\drive$\percorso-cartella
    dove per intenderci drive$ potrebbe essere il classico c$
    connetti unità di rete
  5. Immetti le credenziali di rete e clicca su ok

immetti le credenziali di rete

Le credenziali d'accesso solitamente sono il tuo utente di rete, che ovviamente deve essere quantomeno abilitato alla lettura della cartella che vuoi mappare sul tuo pc.
Inoltre, se per caso ti viene proposto come nome server a cui collegarti, un nome di dominio errato, ti basterà mettere in fase di login davanti alla username il nome del server a cui vuoi connetterti, utilizzando la seguete sintassi: \nome-server\nome-utente

Ecco fatto.
Se avrai inserito le credenziali corrette, e soprattutto se il tuo utente risulterà abilitato, avrai connesso la cartella di rete al tuo pc.

Dunque, se hai capito bene questo post, se ora qualcuno ti chiederà se sai come leggere una cartella presente su un altro computer sotto windows, la tua risposta sarà sicuramente affermativa.

PS se vuoi che la cartella mappata sia disponibile anche quando accenderai il pc la prossima volta, nel passaggio 4 spunta la voce "Riconnetti all'accesso", e se proprio non vuoi più mettere neanche la password, al passaggio 5 spunta la voce "Memorizza credenziali".

venerdì 29 settembre 2017

Rendere visibile icona nascosta Windows 10

Come forse già saprai, su windows 10 esiste la possibilità di nascondere le icone nel menù di avvio.
Anzi, di default in teoria le icone della barra delle applicazioni sono già minimizzate/raggruppate in un menù espandibile cliccandoci sopra.

Probabilmente saprai già come abilitare/disabilitare questo raggruppamento, ma quello che forse non sai (se sei capitato in questo post), è come rendere visibile un'icona nascosta.
Sto parlando ovviamente di icone di specifici programmi, che vengono raggruppate in automatico e di fatto nascoste alla vista.
Ecco, se la tua intenzione è quella di aver sempre sott'occhio l'icona di uno specifico programma, sei capitato nel post giusto (cit.)


Come rendere visibile un'icona nascosta su Windows 10


Il procedimento da attuare per mostrare sempre l'icona di un programma nascosto è molto semplice.
Quello che bisogna fare è semplicemente:
  1. Aprire il menù delle icone nascoste cliccando sull'apposita freccia a destra nella barra delle applicazioni di windows
  2. Cliccare e tenere premuto con il tasto sinistro del mouse sull'icona del programma desiderato e trascinare l'icona in uno spazio vuoto della barra delle applicazioni, dunque lasciare il tasto del mouse

Rendere visibile icona nascosta Windows 10


Avrai così reso visibile un'icona nascosta.

Ovviamente, se cambi idea e vuoi nascondere un'icona su windows 10, ti basta compiere il procedimento contrario.
Ovvero, trascinare l'icona da nascondere sulla freccia dei programmi raggruppati, poi appena si apre l'elenco, lascia l'icona nel punto che preferisci.

E con le icone nascoste di windows 10 è tutto :)
Adesso sai come aggiungere un'icona nascosta nella barra delle applicazioni di win10.

giovedì 10 agosto 2017

Creare un collegamento sul desktop di Windows 10

Capita a volte di dover aprire spesso un programma, una foto, un file, o una cartella.
In questi casi, la cosa più comoda da fare è quella di creare un collegamento sul desktop, in modo da poter lanciare con un click il nostro file su windows 10.

Se si tratta di software, di solito viene chiesto se si vuole creare un collegamento sulla scrivania in fase di installazione, ma nel caso si decida di non farlo subito, c'è sempre la possibilità di poter realizzare questo link / scorciatoia anche in un secondo momento.

Vediamo dunque come compiere questa semplice operazione sul nostro pc.


Come creare un collegamento ad un programma sul desktop di Windows 10


Per poter aggiungere un collegamento alla scrivania da parte di un programma, o qualsiasi altro tipo di file o cartella, basta seguire queste semplici istruzioni:
  1. Individuare la cartella in cui è contenuto il file/cartella di cui si vuole la scorciatoia
  2. Cliccare con il tasto destro del mouse sul file (o sulla cartella, se si vuole linkare una intera directory)
  3. Cliccare sulla voce Crea collegamento
  4. Verrà creato un link alla nostra cartella/file, ora non basterà altro che tagliare ed incollare questo collegamento sulla scrivania di windows

Creare un collegamento sul desktop di Windows 10

Avrai così creato un collegamento sul desktop di windows 10 (e non).

Volendo esiste anche un metodo alternativo e forse più semplice per fare questa cosa (se si ha una mano ferma).
Basta selezionare il file con il tasto destro del mouse e trascinarlo sulla scrivania, poi lasciare il tasto destro e selezionare la voce Crea collegamento qui.

Crea collegamento qui

Questo secondo metodo è comodo a patto che si abbiano le finestre di dimensioni ridotte, o che si riesca a passare alla scrivania in maniera agevole... quindi se si hanno magari già aperte 200 windows, forse è meglio utilizzare il metodo 1 :)

Bene, è tutto.
Ora che sai come creare scorciatoie sul desktop di windows, mi raccomando, non lo riempire troppo di icone. Altrimenti otterrai l'effetto contrario, ed in mezzo a tutto quel caos non riuscirai più a trovare i programmi che ti servono.

martedì 1 agosto 2017

Scoprire dimensioni foto con Windows 10

A volte capita di ritrovarsi tra le mani delle fotografie non proprie, o delle immagini, se vogliamo stare più sul generico.
In questi casi quindi, potrebbe tornare utile sapere come fare per scoprire le dimensioni di un'immagine su windows, dimensioni reali in pixel si intende.

Sia che tu abbia windows 10 o precedenti / successivi, il procedimento è rimasto invariato da anni, quindi questa che ti andrò ad illustrare potrebbe essere considerata la procedura universale per ricavare le dimensioni di una foto con windows.


Come scoprire le dimensioni di foto/immagini con Windows 10


Se hai una foto sul computer e vuoi sapere quanto è grande intermini di pixel, quello che devi fare è molto semplice.
Segui questi semplici passaggi:
  1. Clicca con il tasto destro del mouse sulla foto/immagine di cui vuoi sapere le dimensioni
  2. Seleziona la voce Proprietà
  3. Nella finestra che si aprirà, clicca sul tab Dettagli
  4. Scrolla la finestra fino a trovare la sezione Immagine, nella quale potrai leggere le dimensioni (Altezza e Larghezza), ed altre utili informazioni

Scoprire dimensioni foto con Windows 10

Come scritto sopra, questa sono le dimensioni in pixel dell'immagine.

Se invece ti interessava conoscere le dimensioni in termini di peso del file immagine, sempre da proprietà, su generale trovi tutto quello che ti serve sapere alla voce dimensioni.

E per il discorso dimensioni immagine windows 10 direi che è tutto :)
Per qualsiasi dubbio/chiarimento, non esitare ad usare i commenti in fondo al post.

venerdì 7 luglio 2017

Disattivare rilevamento posizione Windows 10

Il tema del giorno è la privacy.
Su windows 10 infatti, il tuo dispositivo, che può essere un pc o altro, può venir individuato dalle app e magari anche dai siti web.
Con individuato intendo proprio che, grazie all'attivazione di specifiche opzioni, potresti rivelare la tua posizione, o meglio, la posizione geografica del tuo dispositivo, ad eventuali software (anche di terze parti).

Se quindi vuoi aumentare il livello di privacy e di sicurezza del tuo computer, devi imparare come disattivare la posizione del pc tramite windows 10, in modo da poter navigare ed utilizzare il computer in maniera più anonima e sicura.


Come disattivare il rilevamento e la condivisione della posizione del pc con Windows 10


Per poter impedire a windows e ad altre app di individuare la posizione geografica del tuo dispositivo, e magari di usarla per scopi pubblicitari o peggio, segui queste semplici istruzioni:
  1. Cerca Impostazioni dal cerca in windows ed entraci
  2. Clicca sulla voce Privacy
  3. Nel menù di sinistra, clicca sulla voce Posizione
  4. Disattiva il Servizio di posizione
  5. Disattiva il rilevamento della posizione, cliccando su Modifica e poi spuntando la voce

Disattivare rilevamento posizione Windows 10

Disattivando il servizio di posizione avrai tolto la possibilità a windows 10 ed alle varie app, di utilizzare i dati della tua locazione.
Mentre, disattivando proprio il rilevamento della posizione, andrai proprio a spegnere il gps del computer... se così si può dire :)

Bene, con questa mini lezione sulla privacy è tutto.
Come si dice, fidarsi è bene, non fidarsi è meglio (cit.)

giovedì 6 luglio 2017

Come abilitare controllo ortografia Windows 10

Lo sapevi che su windows 10 era possibile abilitare il controllo ortografico per fare in modo di commettere meno errori?
Io no, l'ho scoperto solo ora :p
Comunque sia, eccomi qui pronto a fare un'altra guida/tutorial su windows 10, che spero ti torni utile per commettere meno errori ortografici.

Vediamo dunque come attivare la correzione automatica degli errori d'ortografia, in modo tale da poter ricevere un piccolo aiuto quando si è in dubbio sul corretto modo di scrivere.


Come abilitare il controllo ortografia in Windows 10


Ecco cosa devi fare per attivare il controllo automatico degli errori ortografici su windows 10:
  1. Cerca in windows la parola Impostazioni ed entra nell'apposita sezione
  2. Clicca sulla voce Dispositivi
  3. A sinistra, clicca su Digitatizione
  4. Nella sezione "Controllo ortografia" di windows, decidi se attivare la correzione automatica degli errori di ortografia, e/o se evidenziare gli errori che commetti

Come abilitare controllo ortografia Windows 10

Avrai così attivato questa utile funzionalità della microsoft, ed ora in poi, quando scriverai qualcosa, sarai un pochino più tutelato dal commettere errori.

Ecco fatto, ora potrai contare sul potentissimo correttore ortografico di windows 10, mica briciole!
Ovviamente, come lo puoi abilitare, lo puoi anche disabilitare / disattivare.

Ti ricordi i tempi in cui si scriveva con la macchina da scrivere o semplicemente sulla carta?
Tutti questi barbatrucchi non c'erano ed era molto più dura :)
Forse si commettevano più errori, ma magari si imparava anche di più... dopotutto esiste anche il famoso detto "sbagliando si impara".
Chissà, ai porteri ardua sentenza.

martedì 4 luglio 2017

Nascondere barra delle applicazioni Windows 10

Oggi faccio una guida veloce veloce su come nascondere la barra delle applicazioni di windows 10.
La famosa barra delle app non necessita certo di presentazioni, dato che esisteva già nei primissimi sistemi operativi della Microsoft, quindi vediamo subito come fare questa semplice operazione.


Come nascondere la barra delle applicazioni di Windows 10


Per poter far sparire automaticamente la barra delle applicazioni di windows, seguire i seguenti passaggi:
  1. Cliccare con il tasto destro del mouse sulla barra delle applicazioni
  2. Selezionare la voce Proprietà

    Nascondere barra delle applicazioni Windows 10
  3. Nella finestra che si aprirà, spuntare la voce Nascondi automaticamente e dare l'Ok.

Nascondi automaticamente

Avrai così nascosto la barra delle app di windows 10.
O meglio, questa barra ora sparirà in automatico quando posizionerai il mouse su altre applicazioni.

Per far riapparire la barra delle applicazioni di windows, non dovrai fare altro che passare con il mouse in basso nello schermo, e la barra comparirà come per magia.
Se poi vuoi fissare nuovamente la barra delle app in basso nello schermo, ripeti questa procedura, defleggando la voce Nascondi automaticamente.

Fine mini guida.

lunedì 3 luglio 2017

Cambiare sfondo desktop Windows 10

Oggi vediamo una cosa semplice semplice, come cambiare lo sfondo del desktop con windows 10.
Questa operazione ci consentirà infatti di scegliere una nuova immagine da mettere come sfondo della nostra scrivania del pc, in modo da poter avere una postazione di lavoro (o di svago), sempre vivace e piacevole da vedere.

Vediamo dunque come modificare la foto di sfondo del nostro pc, con pochi semplici ed intuitivi passi.


Come cambiare lo sfondo del desktop su Windows 10


Per poter scegliere un'immagine di sfondo diversa da quella impostata di default sul proprio pc con su win10, agire nel seguente modo:
  1. Cercare "Impostazioni" nel cerca in windows, ed entrarci
  2. Cliccare sulla voce Personalizzazione
  3. Cliccare sulla prima voce di sinistra, Sfondo
  4. Adesso, scegli la tua immagine dall'elenco delle foto presenti, oppure clicca su Sfoglia per poterla prendere da qualsiasi punto del tuo computer
  5. Se necessario, modifica il posizionamento e le dimensioni, scegliendo tra le seguenti opzioni: riempi, adatta, allunga, affianca, centra, estendi

Cambiare sfondo desktop Windows 10

Avrai così cambiato la tua immagine del desktop in windows 10.

Questa operazione è molto semplice anche grazie all'opzione di anteprima presente già nella finestra delle impostazioni, grazie alla quale potrai renderti immediatamente conto di quale tipo di posizionamento la tua foto necessita.
Se ad esempio hai un'immagine piccola, potresti scegliere la voce affianca, per far ripetere la fotografia ad oltranza, e riempire così tutto lo schermo.

Bene, adesso sai cambiare lo sfondo del desktop con windows 10.
Non ti resta altro che cercare tante belle immagini su internet, oppure scegliere le migliori fotografie che hai fatto durante le vacanze.

sabato 24 giugno 2017

Attaccare post-it sulla scrivania... del computer

Ti piacerebbe prendere appunti con il tuo computer?
Si, lo so a cosa stai pensando: "blocco note".
Ma non mi stavo riferendo a ciò che hai in mente, ma a quello che di solito si fa anche nella vita reale quando si vuole prendere un appunto.
Esatto, sto proprio parlando di post-it per il computer, i classici fogli di carta colorati che si attaccano sullo schermo (o dove si vuole), come promemoria per ricordarsi di fare qualcosa.

Può essere la lista della spesa, un appuntamento, un qualcosa da vedere il televisione, i motivi per poter volere dei postit sul desktop del pc possono essere infiniti.

Vediamo subito come fare questa cosa su windows 10, o su altri win (dalla versione 8).


Come attaccare un post-it sulla scrivania del computer


Per poter iniziar subito a prendere appunti sullo schermo del tuo pc, in realtà non devi installare alcun software aggiuntivo per windows 10, ma cercare semplicemente tra i tuoi programmi, Sticky Notes.

Questo software preinstallato sul tuo pc, funziona in maniera molto semplice.
Cerca sticky notes dal menù cerca di windows e clicca sopra al risultato trovato.

Finirai così già in un nuovo post-it e potrai inziare subito a digitare il testo che vuoi ricordarti.
Il post it creato infatti, verrà subito memorizzato sul tuo pc, e potrai trascinarlo in qualsiasi punto del desktop, per posizionarlo dove più ti aggrada.

Attaccare post-it sulla scrivania... del computer

Tra le varie opzioni disponibili, oltre ovviamente a poter posizionare dove vuoi il tuo postit sulla scrivania del pc, potrai anche ridimensionarlo o cambiare il colore di sfondo, in modo da avere sempre uno schermo colorato ed ordinato.

Ovviamente, quando sei stufo di un post-it, puoi cancellarlo in qualsiasi momento cliccando sull'icona del cestino.

Se poi per qualsiasi ragione il tuo post-it (o i tuoi), finisse nascosto dal desktop, ti basterà cliccare sulla sua icona presente in basso nella barra di windows, per poterlo mettere in primo piano e leggerne nuovamente i contenuti.

Bene, ed anche per il tema post-it sulla scrivania del computer, è tutto.
So che ci sono anche altri programmi più potenti per fare ciò, ma questo è installato (in teoria) di default su tutti i windows (dalla versione 8), quindi è sicuramente il metodo più comodo per attaccare un post-it sullo schermo del pc.

PS si, al riavvio del pc, troverai il tuo post-it sulla scrivania, pronto a ricordarti cosa devi fare!

sabato 3 giugno 2017

Come risolvere i problemi tipici di Windows

Ti sembra che il tuo Microsoft Windows abbia dei problemi?
Magari non funziona più windows movie maker, o hai problemi nella riproduzione dei suoni, o con la stampante, o ti sembra che le prestazioni in generale siano calate.
Qualsiasi sia il tuo problema, ecco che la sacra M$ ha una soluzione già pronta e confezionata per te.

In questo breve articolo ti spiegherò come risolvere i problemi tipici di windows, proprio grazie ad un tool messo a disposizione dalla microsoft stessa.
Cominciamo (cit.)


Come risolvere i problemi tipici di Windows


Prima di poter risolvere, occorre ovviamente prima capire se windows ha problemi, e per far ciò la Microsoft mette a disposizione una sezione del suo sito con tutte le soluzioni Microsoft Easy Fix.

Questa sezione, altro non è che un elenco di domande tipiche, o per meglio dire, un elenco di problemi tipici che gli utenti possono avere sul loro sistema operativo Microsoft.

La lista in oggetto comprende:
  • Risolvere i problemi che possono impedire il corretto funzionamento delle app di Windows Store
  • Individuare e correggere i problemi di riproduzione dei suoni
  • Individuare e correggere i problemi di registrazione dei suoni
  • Individuare e correggere i problemi che possono impedire il corretto funzionamento dei download in background
  • Risolvere i problemi relativi a dispositivi e stampanti
  • Individuare e correggere i problemi relativi a dispositivi e hardware
  • Individuare e correggere i problemi relativi alle prestazioni di Internet Explorer
  • Individuare e correggere i problemi relativi alle funzionalità di privacy e sicurezza in Internet Explorer
  • Individuare e cancellare file e collegamenti inutilizzati ed eseguire attività di manutenzione
  • Individuare e correggere i problemi durante la connessione a Internet o ai siti Web
  • Individuare e correggere i problemi durante l'accesso a file e cartelle in altri computer
  • Individuare e correggere i problemi durante la visualizzazione di computer o file condivisi in un gruppo home
  • Individuare e correggere i problemi relativi al wireless e ad altre schede di rete
  • Individuare e correggere i problemi relativi alle connessioni del computer in ingresso e a Windows Firewall
  • Individuare e correggere i problemi relativi alla connessione alla rete dell'area di lavoro tramite DirectAccess
  • Individuare e correggere i problemi relativi all'esecuzione dei programmi meno recenti nella versione corrente di Windows
  • Individuare e correggere i problemi relativi all'ottimizzazione delle prestazioni e della velocità di Windows
  • Individuare e correggere i problemi relativi alle impostazioni di risparmio energia del computer per ridurre il consumo energetico ed estendere la durata della batteria
  • Individuare e correggere i problemi relativi alla stampa
  • Individuare e correggere i problemi relativi a Windows Search
  • Individuare e correggere i problemi relativi alla riproduzione di film, programmi televisivi o video
  • Individuare e correggere i problemi relativi alle impostazioni di Windows Media Player
  • Individuare e correggere i problemi relativi al Catalogo multimediale di Windows Media Player
  • Individuare e correggere i problemi relativi alla riproduzione dei DVD in Windows Media Player
  • Risolvere i problemi che impediscono l'aggiornamento di Windows

Cliccando sulla voce inerente al proprio problema, partirà una finestra di download diversa a seconda del caso, ma che sempre porterà all'installazione di un programma con estensione .msi del tipo Microsoft Easy Fix.

Come risolvere i problemi tipici di Windows

Non dovrai far altro che seguire le istruzioni a video, ed il tuo problema verrà diagnosticato e magari anche risolto :)

A già, ma come ci si arriva a questa miracolosa sezione del sito Microsoft?
Semplice, da questo indirizzo:
https://support.microsoft.com/it-it/help/2970908/how-to-use-microsoft-easy-fix-solutions

Con le soluzioni Microsoft Easy Fix potrai risolvere tanti problemi basic del tuo computer, quindi prima di impazzire a cercare su internet vie alternative, prova questa prima via ufficiale, e magari risolverai con pochi click una annosa problematica.

PS questo tutorial è valido per windows 10, ma anche per le precedenti versioni del sistema operativo di casa Microsoft.

venerdì 19 maggio 2017

Creare fonte dati per collegarsi ad un database

Su windows 10 (e precedenti) è possibile creare quella che tecnicamente viene definita una fonte dati, ovvero una sorta di plugin d'aggancio ad un database, che sia mysql, sql server, o altro.

Grazie a questa fonte dati infatti, sarà possibile collegarsi ad uno specifico database dal server su cui è stato creato il collegamento (linked server).
Quindi ad esempio, se voglio collegare fare una query da mysql a sql server, avrò prima bisogno di creare una fonte dati sulla macchina da cui accedo a mysql, che punta a sqlserver.

Vediamo dunque un esempio generico di creazione e test fonte dati.


Come creare una fonte dati per collegarsi ad un database su Windows 10


La procedura per la creazione di una fonte dati esterna in windows è molto semplice.
Il percorso da seguire è il seguente:

Pannello di controllo -> Strumenti di amministrazione -> Origini dati ODBC

Bisognerà solo scegliere quale odbc utilizzare, quello a 32 bit o a 64 bit (a seconda della macchina che si ha a disposizione).

Adesso, scegliere se creare un DNS utente o un DNS di sistema, e cliccare su Aggiungi.
Quello che bisognerà fare ora è selezionare il driver per l'origine dati, tra le fonti disponibili (mysql e sql server, ad esempio), e cliccare su Fine.

Creare fonte dati per collegarsi ad un database

Si aprirà una nuova finestra, con all'interno alcuni campi da compilare, tra cui ad esempio:
  • Data source name: il nome che poi verrà utilizzato per richiamare la fonte dati
  • Description: eventuale descrizione
  • TCP/IP Server: l'indirizzo o il nome del server a cui ci si vuole collegare
  • User: username d'accesso al server
  • Password: Password d'accesso
  • Database: selezionare un database di default

ODBC Mysql

Già dopo aver inserito la password, se sarà possibile selezionare un database di default vorrà dire che la connessione tramite ODBC è avvenuta con successo, ad ogni modo per averne certezza, cliccare su Test.
Se si riceverà a video il messaggio "Connection successful", allora tutto sarà andato a buon fine, e cliccando su OK, la fonte dati sarà stata creata.

Adesso, per collegarsi ad un database esterno, mysql o sql server, presumibilmente collocato presente su un'altra macchina, basterà aprire la console ed inserire la query di connessione al nuovo db appena linkato.

lunedì 1 maggio 2017

Impedire chiusura finestra dos bat

Dopo aver creato il tuo primo script dos (come ad esempio spiegato in questo post), una delle necessità che potrebbero subito sorgere, soprattutto se stai testando il funzionamento del tuo file batch .bat, è quella di impedire la chiusura della finestra dos.

Molte volte infatti, i comandi lanciati dai nostri script dos, girano in realtà in background. Quindi, in caso di errore non è possibile capire se tutto è andato a buon fine, perchè la finestra di dos si chiude immediatamente, e non si riesce a leggere se c'è stato qualche errore o se tutto è filato liscio.

Vediamo dunque come superare questo limite dei file .bat, in modo da non far chiudere la finestra di dos al termine dello script.


Come impedire la chiusura della finestra di dos di un file .bat


Per mantenere la finestra di dos aperta al termine dell'esecuzione di tutti i comandi batch inseriti nel tuo file .bat, basta aggiungere alla fine dello script il seguente comando:

cmd / k

Grazie a questa semplice riga di codice infatti, il vostro script non chiuderà più in automatico la finestra di dos (comportamento di default di windows 10, e non).

Vediamo subito un esempio pratico.
Scriviamo queste righe di codice nel nostro file .bat:
cd C:\Windows\System32
notepad-errore.exe
cmd / k


La seconda riga di codice genererebbe un errore, e normalmente la finestra di dos verrebbe subito chiusa, impedendoti di capire che lo script è sbagliato e che non ha funzionato.
Grazie a questo stratagemma invece, la finestra rimane aperta, e salta subito all'occhio che qualcosa è andato storto.

Impedire chiusura finestra dos bat

Bene, adesso sai come tenere aperta la finestra di dos dopo l'esecuzione di uno script.
Questa cosa potrebbe tornarti molto utile nel caso tu abbia uno script con tante righe di codice il cui esito non è certo, o nei casi in cui vuoi semplicemente vedere a video il risultato ottenuto dai comandi che hai lanciato.

Creare uno script dos bat su Windows 10

Per i nostalgici del MS-DOS, oggi spiegherò come creare un file eseguibile .bat, ovvero uno script che è in grado di far compiere più operazioni di vario tipo al vostro windows 10, tramite il semplice click del mouse.

Questo genere di file funzionano a riga di comando, e consentono di richiamare altri programmi, o di svolgere delle normali operazioni tramite i più basilari comandi dos.

Andando dunque a creare un file con estensione .bat, sarete in grado di far compiere alla vostra macchina più operazioni contemporaneamente, cosa che altrimenti magari dovreste fare entrando ogni volta dentro il promp dei comandi di windows, digitando di volta in volta il codice a mano.


Come creare uno script dos bat su Windows 10


Realizzare un semplice script bat è facilissimo, basta seguire le seguenti istruzioni:
  1. Cliccare con il tasto destro del mouse in un punto vuoto del desktop
  2. Nel menù a tendina che si aprirà, selezionare Nuovo -> Documento di testo
  3. Dare un nome al file .txt appena creato, poi entrarci dentro tramite doppio click del mouse
  4. Scrivere i comandi dos desiderati
  5. Salvare e chiudere il file
  6. Adesso, tasto destro sul nome del file, poi cliccare su Rinomina
  7. Cambiare l'estensione da .txt a .bat e dare la conferma se ve lo chiede. Se sul vostro pc non si vedono le estensioni, leggere questo post per capire come abilitarle
  8. Lanciare il file bat appena creato, tramite il doppio click del mouse, per fargli compiere le operazioni che avete scritto al suo interno

Facciamo un esempio pratico.
Provate a creare un file di testo chiamato prova.txt e scriveteci dentro i seguenti comandi
cd C:\Windows\System32
calc.exe

Salvate e rinominate il file in prova.bat.

Creare uno script dos bat su Windows 10

Adesso fate doppio click sul file appena creato, e vedrete partire da sola la calcolatrice di windows.

Questo genere di script di solito, chiamato anche file batch, può essere utile anche su windows 10, quando si ha da lanciare periodicamente una serie di comandi in sequenza. O ad esempio, sapete che ogni volta che dovete fare un lavoro, vi serve aprire 10 programmi tutti insieme, grazie a questo genere di script potrete lanciarli tutti in un colpo solo, con un semplice click del mouse, risparmiando ogni volta del tempo.

mercoledì 26 aprile 2017

Come installare ADB su Windows 10

ADB sta per "Android Debug Bridge", ed è un programma a riga di comando che consente di "governare" lo smartphone (android) dal pc.
Più nello specifico, adb fa parte dell'Android SDK, e consente di interagire con il filesystem del telefono.

Viste queste premesse, va da sé che sapere come installare adb su windows, è il primo passo per poter iniziare ad utilizzare quest'utile software di sviluppo applicazioni per Android.


Come installare ADB su Windows 10


Trovate adb "Android Debug Bridge" su questo sito internet:
http://adbshell.com/downloads

Quello che dovrete scaricare è l'ADB Kits, un file zip contenente tutti i file necessari per il funzionamento del tool.

Come installare ADB su Windows 10

Adesso, estrarre il contenuto dello zip in una cartella del vostro pc.

ADB in teoria è già funzionante, e dopo aver collegato il cellulare (abilitato per lo sviluppo) tramite cavo usb, potrete fare dei test con i vari comandi:
adb install (installa un'app sul proprio cellulare)
adb unistall (disinstalla un'app)
adb reboot (riavvia lo smartphone)

Tuttavia, per poter usare ADB da altre applicazioni / tool di sviluppo, è bene aggiungerlo come variabile d'ambiente di windows 10.
Se non sapete come fare, leggete questo post.

Come avete visto, l'installazione di adb Android Debug Bridge su win10 (e non) è molto semplice e rapida.
Buon sviluppo android!

martedì 25 aprile 2017

Come installare ANT su Windows 10

Ant è una libreria Java creata da Apache, che consente di automatizzare il processo di buid delle applicazioni java.
Questo software consente di compilare, generare la documentazione, creare file jar, war ed ear, e di effettuare il deploy di un app web su application server.
Tutto questo è possibile tramite una semplice azione da riga di comando.
Ant legge un file chiamato build.xml, ed esegue tutto ciò che c'è al suo interno.


Come installare ANT su Windows 10


Per poter installare ed iniziare ad usare ant su windows 10, basta scaricare l'ultima versione stabile in versione zip, da questo sito internet:

http://ant.apache.org/bindownload.cgi

Ovviamente, per usare apache ant occorre aver installato una versione aggiornata di java (leggere sul sito che versione java serve in base alla versione di ant scaricata).

Dopo aver fatto il download dello zip, scompattarlo in una cartella del pc, magari sotto c:\ant.

Adesso però, per poter far girare Ant correttamente da qualsiasi punto del pc ci si trovi, occorre andare ad aggiungere delle variabili d'ambiente (leggere questo post se non si sa come aggiungerle).
Va creata una variabile d'ambiente JAVA_HOME, con un percorso tipo C:\Program Files\Java\jdk1.8.0_121.
Poi vanno aggiunti i seguenti PATH:
%JAVA_HOME%\bin
c:\ant (o il percorso dove avete installato ant).

Infine, per testare il tutto, lanciare il comando: ant -version

Se vi risulterà un messaggio tipo "Apache Ant(TM) version 1.10.1 compiled on February 2 2017", allora l'installazione di ANT sarà andata a buon fine.

Come installare ANT su Windows 10

Nel caso incappiate in un errore java runtime environment not found ant, sappiate che nel 99% dei casi, non avete installato la versione di java corretta per ant, oppure non l'avete puntata correttamente nelle variabili d'ambiente.

variabili d'ambiente

Bene, per questo breve tutorial è tutto.
Buon build con apache ant :)

venerdì 14 aprile 2017

Rinominare chiavetta USB (Windows 10)

Se hai appena comprato una chiavetta usb, o se per caso ne hai una di vecchia data, nella quale vuoi archiviare dei dati diversi dal solito, forse potresti voler cambiare nome al dispositivo usb.

Questa operazione di rinomina è fattibile sostanzialmente in due modi, uno più lento e definitivo, ed uno più rapido ed immediato... a patto che tu abbia windows 10, o comunque un sistema operativo microsoft non troppo datato.

Vediamo allora come compiere questa operazione, in entrambi i modi.


Come rinominare una chiavetta USB in Windows 10


Per poter cambiare nome ad una chiavetta usb, si può agire in due modi:
  1. Metodo 1: formattare il dispositivo usb (leggere questo post per capire come fare)
  2. Metodo 2: rinominare direttamente la memoria usb

Banalmente, il secondo metodo, consiste nel:
  1. Inserire la chiavetta in una porta usb del proprio pc
  2. Cercare il nome della chiavetta da Espora file
  3. Tasto destro sul nome della chiavetta
  4. Cliccare con il tasto sinistro del mouse sulla voce Rinomina
  5. Inserire il nuovo nome della chiavetta e premere Invio

Rinominare chiavetta USB (Windows 10)

Semplice vero? Rinominare una chiavetta usb con "windows 10" è molto facile, perchè è come cambiare nome ad una normale cartella o ad un file presente sul computer.

Un tempo non era mica così facile sapete?
Una volta, tanti anni fa, o formattavi la chiavetta, oppure potevi scordarti di cambiarle il nome (almeno è quello che ricordo io).
Se poi sbagliavi a scrivere il nome, tanti saluti, altro giro altro regalo.
Ed un tempo non c'era neanche la formattazione veloce (sempre se la memoria non mi inganna), se sbagliavi nome, o se cambiavi idea su come chiamare la chiavetta usb, dovevi perdere tempo ad attendere un'altra lenta formattazione completa.

mercoledì 12 aprile 2017

Formattare chiavetta USB (Windows 10)

Se hai una chiavetta usb un po' datata, forse è arrivato il momento di formattarla.
La formattazione di una usb drive può servire infatti a cancellare in un colpo solo tutti i dati in essa contenuti, oltre che a dare una pulizia generale alla memoria, migliorandone in teoria anche le prestazioni, magari nel caso in cui, dopo anni di onorato servizio, questa inizi a perdere colpi.

Ci sono poi i casi in cui si vuole dare la propria penna usb a qualcuno, quindi cancellare i dati in essa contenuti con la formattazione completa, può sempre aiutarci utile per evitare di far leggere i nostri file privati ad altre persone.

Questa breve quinda è valida per "windows 10", ma il procedimento ovviamente è praticamente lo stesso anche per le precedenti versioni del sistema operativo di casa microsoft.


Come formattare una chiavetta USB su Windows 10


Per poter ripulire una chiavetta usb da tutti i suoi dati, occorre formattarla seguendo questa semplice e rapida procedura:
  1. Inserire la chiavetta nella porta usb nel computer
  2. Aprire Esplora risorse (Cerca in windows: esplora file) e cercare il nome della penna usb
  3. Tasto destro del mouse sul nome della chiavetta
  4. Cliccare su Formatta

Come formattare una chiavetta USB su Windows 10

Si aprirà una finestra contenente le opzioni di formattazione della chiavetta.

I campi presenti, saranno:
  • Capacità: ti viene indicato quanto spazio a disposizione avrà la chiavetta dopo la formattazione
  • File system: come vengono salvati i dati (NTFS, FAT32, exFAT). Lasciare pure il valore di default (es FAT32)
  • Dimensione di unità di allocazione: lasciare pure il valore di default
  • Etichetta del volume: qui potrai dare un nuovo nome alla tua chiavetta usb
  • Formattazione: selezionare se si vuole formattare rapidamente la memoria usb, oppure togliere la spunta, se si vuole fare una formattazione completa e più sicura

Una volta fatta la propria scelta, cliccare su Avvia.

Formatta chiavetta usb

Ovviamente, se non si vuole cambiare nessuna impostazione, la formattazione veloce di una chiavetta usb può essere fatta con due soli click del mouse, in pochi secondi (o minuti, dipende dalla capienza della penna, dalla velocità del pc, e della porta usb).
Viceversa, la formattazione completa della chiavetta usb, potrebbe richiedere anche molti minuti... io ad esempio ho fatto in tempo a pubblicare questa guida e ad andare in bagno, e la formattazione di prova che ho lanciato è ancora in corso :p
Tuttavia, la formattazione completa assicurerà una pulizia più approfondita dei dati contenuti nella chiavetta usb, quindi è cosa buona e giusta applicarla ogni tanto, soprattutto a quelle chiavette che iniziano a perdere qualche colpo.

Quello che però dovrai tener ben conto quando vuoi formattare una chiavetta usb su windows 10 (e non), è che cancellerai in maniera definitiva tutti i dati in essa contenuti.
Quindi fai molta attenzione a non avere dei file importanti ed unici nella tua pen drive, altrimenti potresti anche perderli per sempre!

lunedì 3 aprile 2017

Esecuzione automatica programmi Windows 10

Per i nostalgici di windows, c'era il buon vecchio "esecuzione automatica", un'apposita sottocartella del menù avvio, in cui si trascinava l'eseguibile (o il collegamento ad esso) da far avviare in automatico alla partenza di windows.

Con windows 10 però, le cose sono un po' cambiate, nel senso che, cercando quella voce nel menù start, non la si trova più, quindi è ora necessario sapere come far partire in automatico un programma, quando si accende il pc.


Impostare esecuzione automatica programmi Windows 10


Vediamo dunque come far partire in automatico un programma all'avvio di windows 10, ovvero ad ogni accensione del proprio computer.

Facciamo subito una distinzione fondamentale: i programmi che devono partire in automatico per tutti, ed i programmi che devono partire solo per determinati utenti.


Avvio automatico programma per tutti gli utenti

Per far partire un software all'avvio di windows 10, per tutti gli utenti che utilizzano uno specifico computer, basta copiare il collegamento all'eseguibile del programma nella cartella:
C:\ProgramData\Microsoft\Windows\Start Menu\Programs\StartUp
Che in "windows 10" italiano diventa:
C -> ProgramData -> Microsoft -> Windows -> Menu Start -> Programmi -> Esecuzione automatica

Esecuzione automatica programmi Windows 10

Esecuzione automatica Windows 10 solo per utente specifico

Se invece si vuol far partire un app di windows in automatico solo per un determinato utente, il percorso da seguire è il seguente:
C:\Users\nomeutente\AppData\Roaming\Microsoft\Windows\Start Menu\Programs\Startup
Che in windows10 in italiano diventa:
C -> nomeutente -> AppData -> Roaming -> Microsoft -> Windows -> Menu Start -> Programmi -> Esecuzione automatica

Secondo me nei vecchi windows il tutto era più semplice.
Bastava copiare l'eseguibile del programma da far partire in automatico, direttamente nel menù avvio, tramite tasto destro sulla voce "esecuzione automatica", apri cartella o percorso, e con un bel copia ed incolla il gioco era bello che fatto.
Ora invece bisogna entrare nelle cartelle a matriosca, inoltre bisogna impostare la visibilità dei file nascosti, altrimenti alcune delle cartelle sopra indicate, non saranno visibili.

martedì 21 marzo 2017

Trovare percorso file su Windows 10

Ti capita mai di avere tra le mani un programma, installato magari anni fa, e non sapere dove si trova il suo file eseguibile?
Ad esempio, se hai windows 10, magari il suo percorso d'installazione varia a seconda se hai una macchina a 32 o a 64 bit.

Ma perchè occorre ricavare il percorso di un file?
Un esempio pratico di quando può nascere questa necessità: vuoi associare ad un'estensione un nuovo programma, in modo che tutti i file .qualcosa non si aprano più con il programma predefinito, ma con quello che gli specifichi tu.
Bene, in questi casi bisogna specificare a mano, il percorso del file eseguibile del software da far lanciare in automatico, ovvero occorre sapere in che percorso è installato un programma.


Come trovare il percorso di file eseguibile su Windows 10


Per poter ricavare il percorso file di un programma installato su windows 10, procedere in questo modo:
  1. Scrivere il nome del programma nel "Cerca in windows"
  2. Cliccare con il tasto destro sul nome del programma trovato
  3. Cliccare sulla voce "Apri percorso file"

Trovare percorso file su Windows 10

Finirai così nella directory/cartella dove è installato il programma che cercavi.

In questa cartella ora potresti avere la necessità di copiare altri file, di modificare un file di configurazione, o di compiere qualsiasi altra operazione.
Quello che ti premeva scoprire era come ricavare il percorso di un file su windows 10, e questo è indubbiamente il metodo più rapido.

Un altro metodo, è quello che ti può capitare di utilizzare quando il programma in questione si trova sul desktop, dove basta un click con il tasto destro del mouse sull'icona del programma, e poi un click su Proprietà.
In questo caso, avrai subito scritto a video in chiaro il percorso del file, e potrai volendo cliccare sulla voce Apri percorso file, per poter accedere immediatamente con un solo click alla cartella dell'eseguibile.

Apri percorso file

Ed anche per questa micro guida è tutto.
Queste, sembrano banalità, ma se sei capitato in questo post, forse alla fine poi non lo sono così tanto :)